Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

fal  fal

De Nittis

  • A barletta week end con gli "apprendisti ciceroni" del De Nittis

    Barletta FaiNuovo appuntamento al Teatro Curci con gli Apprendisti Ciceroni” della scuola secondaria di 1° grado De Nittis (Istituto Comprensivo D’Azeglio-De Nittis) di Barletta. Sabato 14 e domenica 15 ottobre, dalle ore 9.30 alle 12.30 e dalle 17.00 alle 20.00, in occasione delle “Giornate FAI d’autunno”, sarà possibile rivivere un percorso all’interno del teatro partendo dai momenti che precedono le rappresentazioni e addentrandosi tra le quinte, i camerini e tutti gli ambienti che solitamente non sono aperti al pubblico. Il “Curci” si inserisce così tra i 170 itinerari tematici individuati dal FAI per valorizzare il patrimonio del nostro paese.

    I visitatori avranno modo di vivere una esperienza unica alla scoperta di uno dei beni artistici e culturali maggiormente rappresentativi del patrimonio artistico e culturale della città. L’esperienza consolida quella già compiuta a settembre in occasione degli eventi rievocativi della Disfida, quando gli "apprendisti Ciceroni" hanno illustrato le peculiarità del sipario di scena raffigurante una scena particolarmente suggestiva della celebre battaglia del 1503 realizzato dal pittore barlettano Giambattista Calò, artista di scuola napoletana ottocentesca e maestro di De Nittis, da sempre apprezzato nella sua città, tanto che, come racconta il prof. Francesco Paolillo nelle pagine della Rassegna Pugliese del 20 settembre 1895 "la morte improvvisa di questo valoroso artista, di questo tipo d'insegnante e di gentiluomo, avvenuta il giorno 28 agosto (1895), fu dolore vivamente sentito da tutta la cittadinanza (...)".

    I ragazzi, nell’ambito del progetto di formazioneche coinvolge oltre 35.000 studentidelle scuole italiane, coordinati dalle professoresse Giorgia Allegretta, Maria Sterpeta Dimatteo e Rosalba Rizzi, torneranno così protagonisti delle iniziative del FAI che già nelle scorse edizioni li aveva visti animare il Castello, “Casa De Nittis” e la Chiesa di Sant’Andrea, all’insegna della valorizzazione del patrimonio storico, artistico e culturale della nostra città.

  • Barletta, ingresso gratuito a Palazzo della marra per ricordare De Nittis

    Domenica 25 febbraio, in occasione del 172° anniversario della nascita di Giuseppe De Nittis, l’Amministrazione comunale di Barletta ha disposto l’ingresso gratuito per l’intera giornata a Palazzo Della Marra, sede dell’esposizione “Casa De Nittis”.

    Dalle 9 alle 19 (con chiusura della biglietteria alle ore 18.15) sarà così possibile apprezzare l’inestimabile valore del patrimonio custodito nella Pinacoteca dedicata al grande artista barlettano.

    Per informazioni: 0883538372 

  • Barletta, la mostra su De Nittis prorogata fino al 28 aprile

    Barletta CastelloSarà prorogata fino al 28 aprile prossimo la mostra “De Nittis Digital Review” allestita a Palazzo Della Marra dall’8 marzo scorso. L’evento, patrocinato dall’Accademia di Belle Arti di Bari e dal Comune di Barletta e delle docenti Giusy Petruzzelli, di Storia dell’Arte, e Anna Maria Salvatore, docente di Fotografia dell’Accademia di Foggia, propone rielaborazioni fotografiche dei dipinti di Giuseppe De Nittis, a cui hanno dato vita gli studenti. Dopo aver esaminato le opere di De Nittis, hanno realizzato dei set con persone e oggetti in ambienti interni ed esterni, reinterpretando i dipinti e fotografando i set in digitale. Della mostra è stato realizzato anche un catalogo edito da Quorum edizioni.

    Orari di visita: tutti i giorni, eccetto il lunedì, dalle ore 09,00 alle ore 19,00.

    Per info: Pinacoteca De Nittis 0883/538372 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

  • Il liceo "De Nittis" sarà trasferito alla caserma Sonnino

    Comune BariL’assessore al Patrimonio Vito Lacoppola ha proposto all'agenzia del Demanio il documento di permuta tra i due enti, Agenzia del Demanio e Comune di Bari, relativa al compendio immobiliare denominato “Cittadella della Cultura”, in via Pietro Oreste 45, attualmente di proprietà del Comune, in cambio dell’immobile, attualmente di proprietà dell'Agenzia del Demanio, denominato palazzo Sonnino o “ex caserma presidiaria di Corso Sonnino”.

    L’edificio militare sarà successivamente oggetto di un ulteriore accordo tra il Comune e la Città metropolitana di Bari che, dopo una serie di interventi di riqualificazione e adeguamento, lo destinerà a nuova sede del liceo artistico “De Nittis-Pascali”, come da accordi intercorsi nell’ambito della programmazione del “Polo didattico ed artistico con l’Accademia alle Belle Arti” da realizzarsi nell’area della ex Caserma Rossani, con fondi derivanti dal patto della Città metropolitana finanziato dal governo nel 2016.

    È, infatti, emersa l’impossibilità ad ospitare all’interno della ex Rossani entrambe le istituzioni formative secondo i risultati dello studio di fattibilità condotto Invitalia circa il fabbisogno relativo all’allocazione dei due presidi formativi in un unico polo.

    “Il prossimo passo sarà l'approvazione in Consiglio comunale - spiega Vito Lacoppola -, che dovrà dare il via libera definitivo alla permuta con l’Agenzia del Demanio. Per noi è un passaggio fondamentale che potrà delineare il futuro di migliaia di studenti che arrivano nella nostra città, anche dai Comuni limitrofi, per studiare. Il trasferimento del liceo artistico De Nittis, di cui stiamo discutendo con la dirigente già da diversi mesi, è il frutto di una programmazione avviata dalla Città metropolitana sull’edilizia scolastica che, se da un lato punta alla riduzione delle locazioni passive, dall’altro vuole garantire una sede degna e idonea al percorso di studi dei nostri studenti. Questo percorso, avviato dallo scorso Consiglio metropolitano di cui io ho fatto parte, sono sicuro sarà portato avanti anche dai nuovi consiglieri e dal prossimo delegato all’edilizia scolastica con cui concorderemo tutte le fasi operative. Nel frattempo gli uffici stanno procedendo con l’esame delle offerte per la progettazione dell’Accademia delle belle arti che sarà realizzata nell’area della ex Caserma Rossani. Con questa operazione stiamo dando una risposta in termini di riduzione della spesa per le locazioni passive sostenute dalla Città metropolitana, valorizzando immobili storici importanti della nostra città, attualmente dismessi e in disuso, e offrendo una sistemazione degna e idonea agli studenti senza ulteriori costruzioni né consumo di altro suolo. Contiamo di seguire e completare le procedure relative al patrimonio comunale entro la fine di quest’anno in modo da passare il testimone alla Città metropolitana, che subito dopo potrà avviare le gare per i lavori, visto che i fondi sono già disponibili”.