Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

falfal

Bari

  • "Cinema America" chiude a Roma ma potrebbe venire a Bari

    Maselli SilvioAppresa la notizia della cessata attività di Cinema America nella città di Roma, l’assessore alle Culture Silvio Maselli, in collaborazione con l’Apulia Film Commission, ha proposto pubblicamente agli organizzatori la candidatura del Comune di Bari a ospitare la manifestazione cinematografica nelle piazze cittadine per consentire la prosecuzione di un’esperienza che rappresenta un modello virtuoso di valorizzazione e promozione del territorio, della cultura e dell’impegno giovanile in questo settore.

    “Questa esperienza, nata dalla passione per il cinema di un gruppo di giovani, non deve interrompersi - spiega Silvio Maselli - perché esprime un modello di impegno culturale e di imprenditoria giovanile da replicare, e non da mortificare. Negli anni centinaia di giovani, cittadini residenti e i migliori cineasti d’Italia si sono incontrati a Roma, in piazza San Cosimato, per vivere insieme l’emozione che solo il cinema sa regalare, facendo rinascere una piazza storica e offrendo un grande contributo alla crescita culturale della città. Per questo siamo pronti, grazie anche alla collaborazione e alla presenza della Apulia Film Commission, a proporre agli organizzatori una gestione barese di Cinema America che possa rendere merito allo spirito di un’iniziativa che ben si adatta al nostro territorio e che può avvalersi delle tante maestranze del settore che in questi anni si sono specializzate”. 

  • "Crescere in digitale", a Bari una nuova opportunità per le imprese

    Più di 50 tirocini avviati, nelle province di Bari e BAT. Alla Camera di Commercio di Bari procede con il vento in poppa "Crescere in digitale",  il  progetto nato grazie alla collaborazione tra Google, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Unioncamere, con l'obiettivo di aumentare l’occupazione dei giovani italiani e migliorare la digitalizzazione delle PMI.

    "In Italia ci sono due milioni e mezzo di giovani (di età compresa tra i 15 e i 29 anni) che non fanno nulla, i cosiddetti neet.  Un dato sconcertante che pesa come un'ipoteca sul futuro di un intero Paese. 'Crescere in digitale' è una opportunità da non farsi sfuggire per molti di loro. La Camera di Commercio di Bari si è fatta promotrice di questa  iniziativa dal settembre 2015 e, ad oggi, dopo la riconferma per l’anno 2017, sono stati svolti ben 10 incontri tra aziende e tirocinanti del territorio", ha dichiarato il presidente della Cdc Alessandro Ambrosi.

    Il progetto "Crescere in digitale" prevede un percorso formativo strutturato in 50 ore di corso online, un laboratorio nel territorio di residenza e un’esperienza di tirocinio formativo presso una azienda richiedente, iscritta anch’essa al progetto. La durata massima del tirocinio è di 6 mesi e il tirocinante riceve un rimborso spese di 500 € al mese. Possono partecipare al progetto le aziende di ogni dimensione o settore.

    Luisa Sangiorgio, Angelo Lopriore, Marco Bartucci e Marco Schiavone gli ultimi ragazzi che hanno da poco iniziato la loro esperienza di tirocinio all’interno delle aziende locali.

    Il progetto, all’interno della CCIAA di Bari, è coadiuvato da un funzionario dell'ente barese, Dott. Francesco Mininni, e dal Digital Strategist incaricato dall’Istituto G. Tagliacarne di Roma, Dott. Vito Macina.

  • "Fuckleucemia", il Comune incoraggia il...coraggio

    fuckleucemia decaro con i piccoliUna delegazione di famiglie di bambini affetti da leucemia è stata ricevuta questo pomeriggio il sindaco di Bari Antonio Decaro nel suo ufficio a Palazzo di Città. Sono coloro che, in collaborazione con Apleti onlus, hanno ideato e lanciato la campagna benefica “Sempre e solo fuckleucemia”, i cui proventi saranno destinati alla realizzazione dello spazio “Oltreop” pensato per offrire supporto psicosociale a bambini e adolescenti oncologici e alle loro famiglie, oltre le mura dell'ospedale, tramite la vendita delle t-shirt fuckleucemia, con donazione libera minima di 10€.

    “Ho voluto incontrare Ethan e Fabio, piccoli guerrieri della vita, per testimoniare loro il mio sostegno a questa iniziativa - dichiara il sindaco Antonio Decaro - che vuole offrire ai piccoli pazienti oncologici e alle loro famiglie un percorso segnato da attività terapeutiche, ludiche e ricreative finalizzate ad aiutarli a raggiungere un pieno recupero emotivo e comportamentale nella fase di avvio delle terapie a casa. Credo sia una causa importante da promuovere e sostenere tutti insieme perché, oltre la dimensione delle cure ospedaliere, esiste una dimensione legata a un necessario e delicato recupero della normalità in tutti gli ambiti della vita: nella scuola, nella famiglia e nelle relazioni con i loro coetanei. Per questo sempre e solo #fuckleucemia”.

  • "Le pietre parlano": gli alunni della Piccini scoprono Bari vecchia

    Romano pietre parlanoSi è svolto a Bari l’evento conclusivo del progetto annuale “Le pietre parlano”, sostenuto dall’assessorato alle Politiche educative e giovanili, che ha visto gli alunni delle classi IV e V della scuola elementare Piccinni approfondire la conoscenza del patrimonio storico, culturale e artistico della città, con particolare riferimento ai tesori di Bari vecchia.

    Dal fossato del Castello Svevo: le giovanissime guide turistiche hanno condotto i docenti e i loro familiari nelle piazze e nei vicoli della città vecchia, alla scoperta degli angoli nascosti e delle “pietre” che raccontano la nostra comune storia.

    “Per imparare ad amare la nostra città bisogna innanzitutto conoscerla – spiega l’assessore Paola Romano -. Oggi è stato bellissimo essere con tanti ragazzi, genitori, nonni e insegnati nel fossato del Castello Svevo. Le giovanissime guide turistiche, con l'aiuto dei bravissimi insegnanti, hanno raccontato e messo in scena la storia della città alla scoperta degli angoli nascosti e delle “pietre” che hanno il potere del racconto, perché sono la testimonianza del nostro passato e della nostra identità culturale. Questo progetto ci dimostra che investendo sulla formazione e sulla conoscenza dei più piccoli possiamo coltivare quel senso di appartenenza e quell’amore per la città che sono premesse di un rinnovato senso di comunità”.

  • "Natural...mente scuola" con l'istituto "Leonardo da Vinci" di Bisceglie

    Naturalmente scuola 2017 2Per la Puglia il progetto vincitore si chiama, “Organicview”. E’ stato elaborato dagli studenti del Liceo scientifico Leonardo da Vinci di Bisceglie e consiste nell’inserimento di celle fotovoltaiche organiche nello spessore di tutte le superfici vetrate dei velivoli. La parte fotostatica è costituita da composti organici che simulano il processo di fotosintesi clorofilliana.

    Per la Campania la vittoria è stata assegnata agli studenti della scuola I.T.I. “E. Barsanti” di Pomigliano d’Arco (NA) grazie al progetto “AEGM srl”, che mira a ridurre le emissioni di CO2 negli aeroporti attraverso la movimentazione elettrica dei velivoli, al posto dell’impiego degli usuali veicoli a combustibile.

    I due progetti vincitori, selezionati tra più di 2100 studenti di Puglia e Campania e 58 idee di business attinenti al settore aeronautico, si sono aggiudicati la nona edizione del progetto “Natural…mente Scuola”, il programma di educazione all’imprenditorialità e alla sostenibilità rivolto alle Scuole di Secondo Grado di Puglia e Campania promosso da “Boeing”, “Leonardo” e “Avio Aero” con la collaborazione del Politecnico di Bari, partner dell’iniziativa dal 2012.

    La giornata conclusiva e di premiazione si è svolta ieri nel campus universitario del Poliba alla presenza degli organizzatori, dei rappresentanti aziendali, della scuola. Il Rettore del Politecnico, Eugenio di Sciascio non ha fatto mancare la sua partecipazione e, oltre ad incitare gli studenti ad impegnarsi con idee nuove e originali, ha ricordato gli stretti legami che l’ateneo ha con le aziende del settore aeronautico che sostengono il progetto giunto alla sua nona edizione.  

  • "Uniti per la pace" con un torneo di calcio a 7 solidale

    porta a tre quartiSi terrà domenica 17 dicembre a Bari, a partire dalle ore 9.30, presso il centro sportivo Olimpic Center, la terza edizione di “Uniti per la pace”, il torneo amichevole di calcio a 7 organizzato per alla raccolta fondi a favore dell’associazione Onlus Moscati al fine di sostenere il progetto “Solidali dalla testa ai piedi”. L’evento vedrà coinvolte le rappresentative di UniBA ASD, Comune di Bari, Croce Rossa Italiana, Poste Italiane, Hara ASD, Invictus LAM ASD e Cedip. 
    Per i più piccoli verranno organizzate diverse attività, fra le quali trucca bimbi, la realizzazione di figure con palloncini modellabili e la consegna di doni da parte di Babbo Natale, il tutto in una cornice di musica, divertimento e solidarietà.

  • "Zero cani in canile", il progetto diventa operativo

    zero cani in canile incontroQuesta mattina, alla presenza del sindaco Antonio Decaro e del consigliere delegato del sindaco alle politiche per la tutela ed il benessere degli animali Livio Sisto, si è svolta la prima riunione operativa nell’ambito del progetto “Zero cani in canile”, ideato da Francesca Toto, cui il Comune di Bari ha aderito.

    Tra le iniziative previste dal progetto c’è la costituzione di una task force di controllo, insediatasi questa mattina, composta da diversi soggetti e istituzioni deputati al controllo, alla prevenzione e alla repressione di comportamenti illeciti e dannosi nei confronti degli animali. Al tavolo convocato questa mattina, oltre al Comune di Bari, hanno partecipato i rappresentanti di Zero cani in canile, della Polizia locale, dei Carabinieri forestali, delle associazioni interessate, dei Carabinieri, dell’unità cinofila della Polizia di Stato e del servizio Rangers.

    L’obiettivo dell’amministrazione comunale, condiviso con i presenti, è quello di realizzare una città “animal friendly” che miri alla tutela e al benessere degli animali. siano essi domestici, inseriti in strutture o randagi. Per questo è necessario costituire una rete stabile tra soggetti, istituzioni, associazioni e forze dell’ordine che porti avanti un monitoraggio costante del territorio, dei servizi e della gestione degli animali, a partire dai canili dove occorre istituzionalizzare orari di accesso permanenti, procedure semplificate per le adozioni, controlli più stringenti sulle cosiddette “staffette” per randagi e la modifica di alcune normative che potrebbero agevolare il rispetto dei diritti e dei doveri dei proprietari di animali nei luoghi pubblici, come ad esempio le spiagge. 

    “Vogliamo passare da una politica per la tutela ad una politica per il benessere degli animali – spiega il sindaco -. Siamo consapevoli che non è semplice districarsi nel quadro normativo previsto dalla materia e per questo è ancora più importante creare un gruppo di lavoro stabile e definito che, su diversi piani e con differenti azioni, possa intervenire per modificare alcune situazioni in corso o per prevenire comportamenti illeciti sia nei confronti degli animali sia nei confronti della comunità. La questione dell’accesso agli spazi pubblici ne è l’esempio, come anche la gestione dell’anagrafe canina che deve essere aggiornata costantemente su più livelli, in modo da monitorare costantemente la presenza sul territorio. Il coinvolgimento delle Forze dell’ordine non ha certamente l’obiettivo di aumentare le sanzioni per i proprietari degli animali inadempienti, perché così agevoleremmo solo il fenomeno dell’abbandono, ma invece intende tutelare in primis gli animali da eventuali reati e informare in maniera puntuale ed esaustiva tutti i proprietari di animali sulle procedure per il rispetto delle regole, della salute dei loro amici a quattro zampe e dell’intera comunità. Per quanto ci riguarda, stiamo investendo su politiche “animal friendly” strutturando tutti i nuovi luoghi pubblici (parchi, giardini e spiagge) con aree dedicate alla presenza di cani in modo da definire spazi di convivenza e rispetto reciproco”.

    “È importante la presenza di tutti i soggetti coinvolti - ha concluso Livio Sisto - così come è importante comunicarci come una squadra che lavora per raggiungere un unico obiettivo. Condividere le informazioni di cui ognuno di noi è in possesso e le nostre esperienze sul tema può servire a mettere in campo politiche più efficaci, che non solo permettano agli animali di vivere meglio ma anche di risparmiare fondi pubblici. Non bisogna infatti dimenticare che i canili sono finanziati da risorse pubbliche che non sono illimitate e che diminuiscono nel tempo. Perciò è meglio lavorare da subito sulla formazione, prevenzione e sensibilizzazione e, non da ultimo, sulla maggiore offerta dei servizi”.

    “Zero cani in canile” è un progetto gratuito per le amministrazioni e basato su 5 azioni fondamentali: educazione e formazione; sterilizzazioni, profilassi e cure; adozioni e integrazione degli animali nel tessuto sociale; gestione e conversione dei canili in oasi polifunzionali.

  • A 26 anni dalla "Vlora" un premio alla solidarietà dei baresi

    anniversario VloraIn occasione del 26° anniversario dello sbarco della nave Vlora nel porto di Bari, avvenuto l'8 agosto 1991, questa mattina il vicesindaco Pierluigi Introna e l’assessore al welfare Francesca Bottalico hanno conferito il sigillo della Città di Bari ad Eliana Quadrato, un cittadina che si è distinta per solidarietà e impegno accogliendo l'appello dell'Amministrazione a donare indumenti e alimenti durante gli sbarchi di migranti avvenuti a Bari il 21 maggio e il 15 luglio scorsi.

    “È un dovere per l’amministrazione comunale insignire i cittadini che si sono distinti per impegno e solidarietà in occasioni particolari senza nulla chiedere in cambio – ha esordito il vicesindaco Introna alla presenza della cittadina accompagnata dalla sua famiglia -. Proprio come accadde 26 anni fa quando arrivarono a Bari 20.000 albanesi, i baresi e l'Amministrazione comunale guidata dall'indimenticabile Enrico Dalfino hanno dimostrato grande cuore e, soprattutto, grande spirito di accoglienza. Oggi conferiamo il sigillo alla signora Quadrato ma idealmente lo consegniamo, in segno di gratitudine, a tutti quei cittadini che, allora come oggi, in maniera del tutto anonima si sono distinti con gesti di solidarietà e generosità. La signora, non solo ha donato indumenti e viveri in occasione degli ultimi sbarchi di migranti a Bari, ma si è trattenuta a lavorare insieme a noi per organizzare lo smistamento di quanto raccolto. La città di Bari è orgogliosa di avere cittadini come la signora Quadrato, ed è per questo un onore per noi, avere oggi il piacere di conoscerla e di riconoscerla".

     “Per noi è importante questa giornata – spiega l’assessore al Welfare Bottalico - perché è importante ricordare la storia della città di Bari che vede nell’arrivo della Vlora un momento molto importante. In questa giornata non ricordiamo solo l’arrivo di tanti albanesi, ma ricordiamo anche la straordinaria partecipazione che la città seppe dimostrare in quell’occasione e che dimostra ancora oggi. Siamo felici di premiare la solidarietà manifestata da Eliana, in rappresentanza degli oltre 3000 cittadini che come lei hanno donato tantissime cose per aiutare le persone sbarcate a Bari nelle settimane scorse. A ciò si aggiunge l’umiltà con la quale molte persone ogni giorno operano silenziosamente per aiutare chi è in difficoltà. Eliana ha partecipato spontaneamente alla raccolta, leggendo semplicemente un annuncio sul giornale, poi ha scelto di restare ad aiutarci perché credo anche lei sia rimasta colpita dalla mole di donazioni che abbiamo ricevuto in pochissime ore, a testimonianza della straordinaria capacità della città di Bari di distinguersi in momenti di difficoltà”.

  • A 90 anni è scomparso "Marnarid", il cordoglio del sindaco Decaro

    Decaro AntonioE’ scomparso all’età di 90 Domenico Sifanno, noto ai baresi come “Marnarid”, titolare del negozio di dolciumi più famoso della città, situato nella città vecchia.

    "La scomparsa del nostro concittadino Domenico Sifanno, meglio conosciuto come Mngùcc Marnarid, storico proprietario della bottega di dolciumi più famosa della città - commenta il sindaco Decaro - mi addolora molto. Il Marnarid è un luogo simbolo del commercio più autentico ed ospitale della Città vecchia. Da sindaco ho avuto l'onore di festeggiare insieme a lui e alla sua famiglia i 150 anni della famosa attività e, in quell'occasione, tutta la città ha potuto riconoscere alla famiglia il grande lavoro svolto nel tempo e la capacità di innovarsi nel solco della tradizione, da sempre il valore aggiunto della famiglia e del negozio. Alla famiglia vanno il mio abbraccio più sincero e il saluto di tutta la comunità barese".

  • A Bari 24 sequestri di fuochi illegali prima dell'arrivo del nuovo anno

    fuochi illegali 1Tra sabato e domenica, ultimo week end del 2017 a Bari sono stati effettuati 24 sequestri (8 sabato, 6 domenica mattina e 8 nel pomeriggio), in particolare nei quartieri Carrassi, San Pasquale e Japigia. L’operazione è stata condotta congiuntamente da agenti della Polizia Locale, Polizia di Stato e Carabinieri per la prevenzione della vendita illegale di fuochi d’artificio. L’obiettivo era far rispettare l’ordinanza del sindaco Decaro, circa il divieto di far esplodere materiale pericoloso ed illegale al passaggio tra vecchio e nuovo anno, oltre a limitare i possibili pericoli che avrebbero potuto derivarne.

  • A Bari avviati i controlli sulle serie luminose natalizie

    controlli vigili urbani NataleSono iniziate a Bari le attività di controllo congiunto sul territorio cittadino. Sono state 10 le unità impegnate e due le attività commerciali - medie strutture - ispezionate. Accertata violazione al Codice del Consumo artt. 6-7-12 D.Lgs. 206/2005 su merce esposta in vendita (materiale elettrico e serie luminose). Sequestrate 140 confezioni prive del contenuto minimo di informazioni sui prodotti e comminata una sanzione di euro 1.032 al commerciante di nazionalità cinese. Accertata inoltre la vendita su una superficie maggiore di quella dichiarata con la SCIA commerciale (quasi il doppio) sanzionata con un verbale di 5000 euro e verificate anche violazioni di natura urbanistico edilizia per abusivo ampliamento della Struttura originaria di vendita.
    I controlli congiunti proseguiranno nei prossimi giorni. L’attività si colloca nell'ambito del Protocollo di collaborazione contro la Contraffazione sottoscritto tra Comune di Bari/Polizia Locale e Agenzia delle Dogane.

  • A Bari conferiti 300 tonnellate di rifiuti ingombranti al mese

    rifiuti ingombrantiAl via la terza edizione del concorso “Chi differenzia ci guadagna”, che consente ai cittadini che conferiscono i rifiuti differenziati nei centri di conferimento di accumulare punti e vincere dei buoni spesa da utilizzare presso i negozi Coop, Decathlon e Ikea.

    L’iniziativa, promossa e organizzata da Amiu Puglia, ha l’obiettivo di stimolare la cittadinanza a effettuare la raccolta differenziata a fronte di un “doppio” guadagno, materiale e ambientale.

    Rispetto alla scorsa edizione resta invariato il regolamento sulle modalità di conferimento: oltre alle consuete frazioni differenziate - carta, plastica e metalli, vetro e organico - gli operatori Amiu accetteranno, infatti, piccoli Raee - Rifiuti elettrici ed elettronici e i rifiuti ingombranti, limitatamente a materassi e piccoli mobili facilmente trasportabili (novità che ha permesso di raddoppiare, in un anno, i rifiuti ingombranti correttamente conferiti presso i centri di conferimento, da una media di 150 a 300 tonnellate al mese, al netto dei materassi, conferiti per 80 tonnellate circa da giugno 2016 a giugno 2017).

    Per partecipare al concorso, per il quale solo nel 2016 sono stati consegnati circa 10.000 buoni spesa da 10 euro ciascuno, è sufficiente registrarsi presso i centri di conferimento Amiu con documento d'identità e codice fiscale. Gli utenti che usufruiranno del servizio potranno ricevere via mail gli aggiornamenti progressivi sul materiale da loro conferito in modo tale da poter verificare quanto differenziato e richiedere il buono spesa una volta raggiunto il punteggio minimo.

    Attualmente gli iscritti al concorso “Chi differenzia ci guadagna” sono circa 7.900, numero di partecipanti incrementato del 14% nel 2016 rispetto all’anno precedente.

    La frazione più conferita, nel corso del periodo del concorso (giugno 2016-giugno 2017) è stata la carta e il cartone (circa 550 tonnellate), seguita dall'organico (450 tonnellate), dal vetro (350 tonnellate) e da plastica e metalli (320 tonnellate). In crescita anche il conferimento degli olii vegetali da cucina (30 tonnellate rispetto alle circa 25 della scorsa edizione).

    “I centri di conferimento comunali – dichiara l’assessore all’ambiente Pietro Petruzzelli – sono un aiuto importante per stimolare le famiglie baresi a separare correttamente i rifiuti ottenendo un doppio beneficio, quello ambientale, nel rispetto delle regole della differenziazione dei rifiuti, e quello economico, con la possibilità di aver un ritorno immediato rispetto ai comportamenti corretti. Inoltre i centri assumono un ruolo fondamentale nei quartieri interessati dal nuovo servizio di raccolta porta a porta perché permettono di conferire rifiuti differenziati nelle giornate diverse dal calendario dei ritiri. Incoraggianti sono i dati del conferimento degli ingombranti, una battaglia che stiamo conducendo sia dai primi mesi del nostro insediamento. Per questo voglio ricordare ancora una volta che materassi e piccoli mobili ingombranti possono essere conferiti gratuitamente presso i centri, quindi i cittadini che li abbandonano selvaggiamente per strada o nei pressi

     dei cassonetti sono stupidi oltre ad essere incivili. Infine non mi sorprende che la frazione maggiormente conferita sia quella della carta e del cartone. Proprio stamattina il Comieco (consorzio della carta e del cartone) ha presentato a Bari il rapporto annuale collocando la nostra città tra le migliori in Italia con una raccolta di carta e cartone di 98,7 kg/anno per abitante rispetto alla media nazionale di 53 kg e quella regionale di 37,3 kg”.

    A fronte di questi dati, l’AMIU Puglia in accordo con l’amministrazione comunale ha scelto di proseguire con il concorso, confermando la possibilità per i cittadini di conferire rifiuti presso i centri di conferimento Amiu in: via Napoli 349 con accesso da Via Maratona 5; via Oberdan 13; · via Martin Luther King con angolo via De Laurentis; via Francesco Fuzio - zona industriale; strada provinciale Ceglie-Valenzano 49.

  • A Bari domenica di corsa pensando alla Maratona di New York

    maglie con logo maratona di New York 1Torna a Bari l’appuntamento autunnale con la mezza maratona. Si correrà domani la quinta edizione della “San Nicola Half Marathon”, la manifestazione podistica internazionale organizzata da MG Sport in collaborazione con La Fabrica di Corsa e certificata “bronze level” secondo la recente classificazione FIDAL.

    La gara è stata presentata questa mattina nell’expo gara allestito in piazza della Libertà dal sindaco Antonio Decaro, dall’assessore allo Sport Pietro Petruzzelli, dagli organizzatori dell’evento, Marcello Magnani e Pierdavide Losavio, e dal presidente della FIDAL Puglia Giacomo Leone.

    L’evento, cui lo scorso anno hanno partecipato in 2.000, rientra nel circuito FollowYourPassion - 4 mezze maratone e 1 triathlon medio - e ha ormai attirato l’attenzione nazionale in quanto principale operatore nell’organizzazione e nella promozione di eventi di endurance sport.

    Sono due le formule di gara competitiva: la mezza maratona da 21 km e la corsa da 10 km. Tre, invece, le formule non agonistiche, aperte agli appassionati di tutti i livelli, con tragitti da 21, 10 e 5 km. Tutti i percorsi si terranno su ampi tratti del lungomare e attorno a Bari vecchia: l’arco di partenza e di arrivo è in corso Vittorio Emanuele, all’altezza di piazza della Libertà.

    Testimonial speciale della corsa da 10 km sarà Valeria Straneo, la primatista italiana di maratona e mezza maratona, vicecampionessa mondiale nel 2013 sulla distanza dei 42,195 km.

    “La San Nicola Half Marathon è un appuntamento sportivo cui siamo particolarmente legati - ha esordito il sindaco di Bari -. Sono molto contento che torni a Bari questa grande corsa che porta il nome di San Nicola, uno dei simboli identitari più forti e significativi per noi baresi. La nostra è una città che si sta caratterizzando sempre più per la presenza di runners, anche perché alcuni luoghi sono molto frequentati dai corridori. Quello di domani sarà un percorso straordinario che si sviluppa prevalentemente sul lungomare e intorno alla città vecchia, offrendo a tutti una vista molto suggestiva. Il mio augurio è che Bari si caratterizzi sempre di più come città con un'alta qualità della vita: stiamo lavorando per raggiungere questo obiettivo attraverso la riqualificazione di spiagge pubbliche, la realizzazione di piste ciclabili, l'installazione di attrezzature ginniche e giostre nei giardini, la progettazione di playground. Qui abbiamo la fortuna di vivere in un clima molto favorevole e sono convinto che, se si inserisse questa caratteristica nelle classifiche relative alla qualità della vita nelle città, Bari sarebbe nelle primissime posizioni”.

    “Ringrazio Bari perché stanno rispondendo benissimo al nostro invito - ha detto Marcello Magnani - al punto che saremo costretti a chiudere in anticipo le iscrizioni. Questa mattina, infatti, abbiamo superato i 2.500 iscritti e non possiamo andare oltre i 3.000. Di questo siamo particolarmente felici, anche perché potremo contare su circa 1.000 partecipanti in più rispetto allo scorso anno. Ciò dimostra che abbiamo fatto più che bene a puntare su Bari come unica tappa del Mezzogiorno”.

    Presso l’expo, in piazza della Libertà, si potrà ritirare il pacco gara che prevede il pettorale, un gilet antivento Diadora (sponsor dell’evento), realizzato in tessuto ultraleggero, una medaglia da collezionare e un finisher towel personalizzato. Nell’area, che resterà aperta oggi e domani rispettivamente fino alle ore 20 e dalle ore 7 alle 9, vi sarà anche un deposito sacche e degli spogliatoi per gli iscritti.

    Durante la gara sarà disponibile un servizio pacer nella mezza maratona agonistica, che porterà al traguardo i corridori in 1h25′, 1h35′, 1h45′.

    Per chi arriva in auto è possibile parcheggiare presso il Park&Ride di corso Vittorio Veneto e utilizzare il bus navetta per arrivare in piazza della Libertà. Il servizio terminerà alle ore 8.30, orario in cui il lungomare Vittorio Veneto sarà chiuso al traffico.

    Per tutte le info consultare il sito internet www.followyourpassion.it e la pagina facebook www.facebook.com/sannicolahalfmarathon.

    Al termine della presentazione, il sindaco di Bari e l’assessore allo Sport hanno consegnato le maglie con il logo della città di Bari agli atleti baresi che parteciperanno alla maratona di New York, in programma nella città statunitense il prossimo 5 novembre. 

  • A Bari i porticati di corso Italia diventano dormitorio all'aperto

    Corso Italai 1“Inaugurato nel quartiere Libertà” un nuovo dormitorio pubblico, all’aperto, a pochi metri dalla stazione centrale di Bari. E’ quanto sostengono, ironicamente, in una nota Luigi e Michele Cipriani, dirigenti del Movimento “Riprendiamoci il Futuro”, denunciando una allarmante e triste storia igienico sanitaria e sociale.

    “Da alcuni giorni – si legge – alcune persone (italiani?) hanno messo su “casa” sotto i porticati di C.so Italia, a qualche centinaia di metri della centralissima Via Sparano. Un nutrito numero di persone dorme tranquillamente su materassi circondati da ammassi di rifiuti vari. Ci chiediamo e chiediamo all’amministrazione comunale come sia possibile che ciò accada in pieno centro di una città capoluogo. Inoltre, è appena il caso di sottolineare che da tale incresciosa situazione potrebbero sfociare finanche infezioni che potrebbero diventare un vero e proprio attentato alla salute pubblica (scabbia ecc. ecc). Caro sindaco, caro presidente del 1° Municipio se non siete in grado di amministrare la nostra città, non vi resta altro che dimettervi!”.

  • A Bari in arrivo opere pubbliche per 23 milioni di euro

    galasso polipark 2Attualmente sono 40 i bandi di gara in pubblicazione sul portale istituzionale del Comune di Bari relativi alle opere pubbliche da cantierizzare nei prossimi mesi. I bandi spaziano tra diversi settori amministrativi: dalla manutenzione ordinaria di strade e marciapiedi (11 bandi) alla pubblica illuminazione, tra nuovi impianti e riqualificazione di quelli esistenti (8 bandi), dalla manutenzione della rete fognaria a quella delle fontane cittadine (5 gare). È stato pubblicato l’accordo quadro per la creazione di nuove aree verdi con l’acquisto di circa 10.000 alberi, la gara per affidare la manutenzione degli spazi verdi esistenti (parco Giovanni Paolo II al San Paolo) e per installare impianti e sistemi di videosorveglianza negli edifici pubblici e per la manutenzione delle spiagge cittadine e dei litorali.
    “38 di queste gare - commenta l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso - sono state pubblicate nelle ultime due settimane del 2017, per un totale complessivo dei lavori pari a circa 23 milioni di euro. Una cifra e un lavoro enormi, a riprova di uno sforzo importante finalizzato ad indire un numero significativo di appalti e, di conseguenza, utilizzare tutte le risorse economiche disponibili per il 2017 in base al vigente bilancio, evitando così che fondi non impegnati potessero essere iscritti tra gli avanzi di amministrazione. Tutto ciò è stato possibile grazie all’impegno straordinario degli uffici tecnici e amministrativi, dei progettisti e di coloro che si sono occupati delle procedure amministrative per la pubblicazione delle gare. Molti dei lavori in pubblicazione riguardano attività coordinate anche con altri assessorati: con la ripartizione Culture abbiamo seguito la procedura per l’adeguamento alla normativa antisismica, il rifacimento dei bagni e degli impianti della sala Murat; con gli uffici dell’assessorato all’Urbanistica abbiamo già predisposto la prima gara per la rimozione immediata della cartellonistica pubblicitaria abusiva, in base al nuovo regolamento approvato dal Consiglio comunale, e avviato la progettazione per la costruzione della vasca di laminazione a Sant’Anna che permetterà di sbloccare i permessi di costruire. Tra gli interventi in gara ci sono anche quelli che afferiscono all’edilizia scolastica, e conseguentemente all’assessorato alle Politiche giovanili: si tratta delle verifiche sismiche e dei DVR (Documenti valutazione rischi) per le scuole comunali. Un procedimento di cui siamo particolarmente orgogliosi, inoltre, è il PEBA, il Piano per l’abbattimento delle barriere architettoniche, il primo appalto che la città abbia mai visto per lavori destinati esclusivamente all’eliminazione delle barriere architettoniche.
    Con la ripartizione Edilizia residenziale pubblica, invece, abbiamo portato a termine due grossi appalti relativi al rifacimento delle autoclavi di alcuni immobili comunali per alloggi popolari e ad interventi sugli ascensori, due elementi che puntano a migliorare di molto la vita delle famiglie che vi abitano. Abbiamo mantenuto l’impegno preso con i cittadini per l’incremento delle aree verdi: grazie al lavoro degli uffici siamo riusciti ad individuare le somme per pubblicare una gara dell’importo di 900.000 euro destinati totalmente all’acquisto e alla piantumazione di nuovi alberi. Sui parchi esistenti, invece, interverremo sicuramente sulla manutenzione del parco Giovanni Paolo II, al San Paolo. Un ultimo risultato positivo è la pubblicazione di due pre-informative che riguardano altrettante importantissime opere pubbliche: la realizzazione del nuovo mercato di via Pitagora, a Japigia, e del parco della ex Caserma Rossani. Due interventi che la città attende da anni e che cambieranno il volto di due quartieri molto popolosi di Bari. Questi risultati sono il segno tangibile di un lavoro di squadra, sia di governo sia della struttura comunale. Un ringraziamento va anche alla ripartizione Bilancio, che sta dando prova di grande esperienza e capacità permettendoci di fare un lavoro straordinario e di non disperdere neanche un centesimo di risorse pubbliche a disposizione. Questo impegno ha inoltre un risvolto positivo che si traduce in lavoro per tantissime aziende, piccole e grandi, del nostro territorio che in questo modo ricevono un’iniezione di risorse significative con la possibilità di partecipare alle diverse gare in corso. In questi anni il Comune di Bari - mi preme sottolinearlo - ha migliorato di gran lunga le modalità e i tempi di pagamento nei confronti delle aziende appaltatrici, assicurando pagamenti celeri e certi”.  

  • A Bari in barca a vela per sconfiggere il Parkinson

    Bottalico assessoreCon l’avvio della bella stagione partiranno le attività di ParkinsONsail, il progetto ideato dal Consorzio Beata Chiara in collaborazione con la società sportiva MattiXFede, finanziato dall’assessorato al Welfare nell’ambito dell’avviso pubblico “Creatività e movimento oltre le barriere”.

    Si tratta di un’iniziativa innovativa che prevede la partecipazione di dodici persone tra i 25 e i 55 anni, ammalatesi precocemente del morbo di Parkinson, a un percorso teorico-pratico che consentirà loro di apprendere le norme e le tecniche di base del governo di una imbarcazione a vela e che culminerà con la partecipazione a una regata.

    “ParkinsONsail è un progetto molto bello - commenta l’assessore al Welfare Francesca Bottalico - che utilizza l’esperienza dello sport nautico per eccellenza per offrire a persone giovani, malate di Parkinson, la possibilità di vivere una serie di stimoli - fisici, psicologici ed emozionali - che possono contribuire a migliorare la percezione di sé. Troppo spesso le malattie vengono affrontate solo dal punto di vista clinico, mentre un approccio che metta la persona, e non il paziente, al centro di un percorso complessivo può rivelarsi ben più incisivo per la qualità della vita dei malati.

    Non appena il meteo lo consentirà inizieranno le uscite in barca a vela: seguiremo attentamente l’andamento di questo progetto, che interpreta perfettamente la nostra idea di welfare inclusivo e generativo di nuove possibilità”.

    Come noto, infatti, le terapie farmacologiche, chirurgiche e riabilitative dal morbo di Parkinson riescono a migliorare i sintomi motori della malattia e la loro gestione, ma risultano meno efficaci sul complesso dei sintomi di natura non motoria. Se le terapie classiche agiscono sul decorso della malattia, molto resta da fare per migliorare la qualità della vita delle persone che soffrono di questa patologia, evitando che queste possano chiudersi in se stesse fiaccate da una condizione invalidante non soltanto per il corpo.

    I lavori scientifici dell’ultimo decennio e le esperienze cliniche hanno dimostrato che le attività sportive praticate in maniera coinvolgente sono in grado di migliorare sensibilmente la gestione di sintomi come l’apatia, l’ansia, la depressione, la paura nonché le alterazioni posturali e i disturbi della coordinazione motoria che influiscono in misura considerevole sulla qualità della vita dei pazienti.

    Una seppur breve esperienza di attività in mare può costituire, perciò, uno stimolo ideale per una persona affetta da Parkinson, nonché un’esperienza costruttiva e utile a rinforzare le difese stimolando la neuroprotezione, la genesi di nuove vie e reti neurali con effetti positivi sullo stato psicofisico dell’ammalato.

    I risultati attesi sono - da subito - un miglioramento dei sintomi e la sperimentazione efficace di comportamenti nuovi e positivi nella gestione delle situazioni di vita futura: una sorta di terapia complementare.

  • A Bari in corso il ripristino dei pontili di Torre Quetta

    pontili Torre Quetta 2 2Nell’ambito dei lavori di manutenzione ordinaria delle spiagge, sono in corso gli interventi di rigenerazione dei cinque pontili di Torre Quetta attraverso il ripristino della continuità del tavolato in legno e il trattamento antiruggine, verniciatura e preventiva carteggiatura delle ringhiere. Le strutture in legno e ferro, infatti, necessitano di una serie di lavorazioni a causa dei danni provocati dalle condizioni climatiche e dalle mareggiate invernali. Uno dei pontili è già stato completato, mentre in questi giorni è in corso il trattamento relativo al secondo.

    “Ci siamo mossi con largo anticipo rispetto agli altri anni e abbiamo potuto farlo grazie ai termini dell’appalto sulla manutenzione delle spiagge - ha commentato Giuseppe Galasso che questa mattina ha effettuato un sopralluogo a Torre Quetta -. Nel giro di un paio di settimane saranno completati anche gli altri tre. Inoltre, visto il gradimento ottenuto su una tipologia di scala inclinata sistemata lo scorso anno su uno dei cinque pontili, ne abbiamo già richieste altre quattro in modo da facilitare la salita e la discesa a mare dei bagnanti, soprattutto degli anziani. I pontili potranno così contare su due modelli di scala, uno verticale e l’altro più inclinato, che installeremo entro la fine di maggio e comunque prima dell’inizio della stagione balneare.

    I pontili sono le uniche parti della spiaggia a non essere state incluse nel bando di concessione destinato ai privati. In realtà, faremo in modo che anche alcune delle strutture o arredi della spiaggia vengano consegnati nel migliore dei modi. Pertanto, spianeremo i ciottoli e sistemeremo i servizi igienici, prima di lasciare ai concessionari la manutenzione complessiva triennale, secondo quanto richiesto dal bando pubblico.

    Stiamo intervenendo anche su altri lidi della città, con le prime operazioni di spianatura e pulizia sommaria sulla spiaggia pubblica adiacente al lido San Francesco, dove abbiamo rimosso e demolito dei blocchi in cemento. Entro l’estate collocheremo anche una fontana pubblica, così come richiesto dai cittadini che frequentano l’area. Un primo intervento di ripulitura è stato realizzato anche in corrispondenza del piccolo tratto di spiaggia di fronte all’ingresso monumentale della Fiera del Levante, a San Cataldo, dove è prevista entro maggio anche la sostituzione delle ringhiere a protezione dei bagnanti, ormai corrose dalla salsedine”.

  • A Bari in corso la potatura di molti alberi cittadini

    lecci Isabella dAragonaSono in corso in questi giorni a Bari le operazioni di potatura di alberi in alcune strade cittadine. Gli operai della ditta incaricata attraverso un accordo quadro sono al lavoro su via De Rossi, dove ci sono circa 350 alberi, e in via De Gemmis, dopo aver terminato piccoli interventi su viale Orazio Flacco. Dalla prossima settimana gli interventi interesseranno anche corso Mazzini. Fino alla fine dell’anno, anche in occasione della sospensione delle attività scolastiche, si procederà anche con la potatura degli alberi in alcune scuole cittadine.
    Nel frattempo gli uffici comunali stanno già lavorando alla stesura del nuovo accordo quadro che permetterà interventi sul verde nel prossimo anno.
    “Stiamo dedicando attenzione al verde cittadino considerando diversi aspetti – spiega l’assessore ai Lavori Pubblici Giuseppe Galasso -: da un lato ci sono le manutenzioni delle alberature esistenti con la campagna di potatura autunnale eseguita proprio in corrispondenza della stagione idonea a questo tipo di lavorazioni, dall’altro stiamo rimpiazzando le piante morte nel corso degli anni in modo da riempire le aiuole vuote e ripristinare l’aspetto architettonico originario degli spazi pubblici. Questi interventi si sommano al lavoro che stiamo facendo per la pianificazione di nuovi spazi verdi in tutta la città. Nei prossimi giorni, infatti, potremo pubblicare il nuovo accordo quadro (per 900.000 euro) con cui contiamo di incrementare il verde cittadino con piantumazioni importanti in aree che oggi appaiono abbandonate e degradate”.

  • A Bari individuate 13 aree per realizzare parchi da gioco

    playground sopralluogo sottoponte adriatico 1 2È pronto il progetto per la realizzazione di playground diffusi sull’intero territorio cittadino che il Comune di Bari candiderà al bando del Credito sportivo 2017.

    Il progetto di fattibilità, che riguarda tredici aree pubbliche individuate con destinazione a verde pubblico nonché aree di proprietà comunale di pertinenza di scuole e parrocchie, prevede anche la fornitura degli arredi e degli attrezzi a servizio delle attività differenziate nei vari playground.

    Gli arredi previsti sono panche e sedute in cemento rivestite in pietra, tavoli in cemento con segnatura dei giochi da tavolo, tavoli da ping pong per uso esterno con rete metallica, espositori porta-tabelle e istruzioni; mentre le attrezzature da installare sono strutture da canestro complete, pali e rete da pallavolo, porte e rete per il calcetto, giostrine a molla, altalene, scivoli e giochi, attrezzi calenistici per ginnastica a corpo libero.

    Gli interventi individuati prevedono una spesa complessiva di 2 milioni di euro.

    “Dopo una serie di sopralluoghi in tutti i Municipi cittadini - commenta l’assessore allo Sport Pietro Petruzzelli - con questo progetto definiamo gli interventi che intendiamo realizzare, con l’obiettivo non solo di dotare i quartieri, soprattutto quelli periferici, di nuovi impianti e attrezzature per facilitare l’attività sportiva amatoriale ma anche, e soprattutto, di creare luoghi dedicati al tempo libero che possano accrescere le occasioni di incontro e aggregazione in funzione sociale. La nostra idea è quella di utilizzare e promuovere lo sport come antidoto alla marginalità sociale e alla devianza, oltre che come stile di vita sano. Tra gli interventi che ci stanno più a cuore quello a Sant’Anna, con un playground pubblico che risponderà almeno in parte alla carenza di infrastrutture e servizi, e quello sotto il ponte Adriatico, uno spazio urbano insolito che intendiamo valorizzare per offrire ai residenti del Libertà, storicamente privo di spazi di aggregazione, un luogo nuovo per praticare sport e stare insieme. I lavori riguardano sia la riqualificazione di spazi abbandonati come quello di via Minervino a Palese sia il rifacimento di strutture sportive esistenti ma ormai degradate come quella del parco Green Mission di Santa Rita. Non mancano, ovviamente, gli interventi sui giardini e i parchi più frequentati della città, penso a parco 2 Giugno e alla pineta San Francesco, come pure quelli su piazze e giardini, in centro come in periferia”.

    Il progetto nel suo complesso tiene conto della qualità tecnico funzionale e di relazione dell’opera nel contesto, della conformità alle norme ambientali, urbanistiche e di tutela dei beni culturali e paesaggistici, del rispetto dei vincoli esistenti (idro‐geologici, sismici, forestali), della compatibilità con le strutture preesistenti, dell’accessibilità e adattabilità, secondo quanto previsto dalle normative vigenti, e della manutenibilità delle opere da realizzare.

    Le aree scelte dall’amministrazione sono luoghi in quartieri che vivono problematiche sociali, nuove lottizzazioni in corso di completamento, aree esistenti in disuso o aree a verde da completare, già provviste di campi da gioco e aree libere da attrezzare, per le quali si eseguiranno interventi di ripristino e di rifacimento, come pure interventi ex novo.

  • A Bari Italia-Scozia del Sei Nazioni Under 20 di rugby

    rugby Italia ScoziiaLa nazionale italiana under 20 di rugby incontrerà venerdì 16 marzo, alle ore 15, nell’arena della Vittoria, la rappresentativa scozzese nell’ambito del prestigioso torneo Sei Nazioni edizione 2018, giunto quest’anno alla sua 117° edizione.

    Il match, ultima tappa del torneo, è stato presentato questa mattina a Palazzo di Città dall’assessore comunale allo Sport Pietro Petruzzelli, dal presidente del CONI Puglia Angelo Giliberto, dal presidente del Comitato Organizzativo locale Gennaro Totaro e dal presidente dell’Ordine degli Avvocati di Bari Giovanni Stefanì.

    “L’amministrazione - ha spiegato l’assessore Petruzzelli - è davvero orgogliosa di ospitare questo match, che si può definire certamente uno degli eventi sportivi più importanti e attesi quest’anno in città. Ricordo, tra l’altro, che è la prima volta che a Bari si svolge una partita ufficiale di una Nazionale di rugby. Sono sicuro che il calore e l’entusiasmo che certamente circonderà gli azzurrini spingerà i giovani e le giovani baresi a praticare a loro volta questa bella disciplina sportiva. Il rugby è al centro delle strategie dell’amministrazione, l’obiettivo che ci siamo dati è quello di garantire una sede alla società locale: a breve, infatti, grazie ai finanziamenti del CONI e del Governo, realizzeremo qui a Bari uno stadio del Rugby e del Football americano. Tutti gli sport sono interessanti ma il rugby, a mio parere, si distingue per i valori di eleganza, sportività e correttezza. Per questo motivo mi aspetto, durante la partita di venerdì prossimo, la partecipazione di oltre tremila spettatori che saranno ospitati in un impianto storico e ristrutturato da poco”.

    “L’interesse del pubblico per l’evento è dimostrato dal numero di biglietti già venduti - ha dichiarato Gennaro Totaro -. Il nostro obiettivo è rendere la Puglia più ‘rugbista’, in modo che tutti, ma soprattutto i ragazzi, si avvicinino sempre più a questo sport. Abbiamo rivolto la massima attenzione alle scuole, organizzando, a corredo dell’incontro, attività di intrattenimento per le scolaresche pugliesi che stanno dando la loro adesione. Inoltre, stiamo mobilitando, con la collaborazione di Amtab, le scuole medie della città che intendono recarsi alla partita”.

    “L’Ordine degli Avvocati - ha spiegato Giovanni Stefanì - ha deciso di sostenere questa manifestazione perché i valori del rugby sono molto simili a quelli che permeano l’attività forense: lealtà, senso di responsabilità, rispetto delle regole e spirito di sacrificio. Per questo motivo l’Ordine ha acquistato 70 biglietti da mettere a disposizione delle associazioni di volontariato che ne faranno richiesta”.

    Nel ringraziare la federazione del rugby e il comitato organizzativo locale per essere riusciti a portare a Bari un evento sportivo così ambito a livello nazionale, Angelo Giliberto ha infine sottolineato “la volontà del CONI di seguire queste manifestazioni sportive con tutta l’attenzione che meritano”.