Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

falfal

Bari

  • "Bari città da raccontare" in un concorso fotografico

    conferenza lions 01 1 2“Bari una città da raccontare” è il tema del 1° Concorso Fotografico promosso dal Lions Club Bari, presentato questa mattina a Palazzo di Città dal presidente Flora Puteo e dal presidente della commissione consiliare Culture Giuseppe Cascella.

    I proventi del concorso, aperto a tutti gli appassionati di fotografia, saranno devoluti in beneficenza a sostegno del Service progetto educativo riabilitativo di orientamento e mobilità all’esterno per non vedenti.

    L’evento, che cade nel sessantesimo anno dalla fondazione del Club Lions, è riconosciuto dalla FIAF (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche), e patrocinato dalla Città Metropolitana di Bari e dal Comune di Bari, con la collaborazione del Ministero dei Beni e della Attività Culturali - Soprintendenza Archivista e Bibliografica della Puglia e della Basilicata.

    Alla conferenza stampa hanno partecipato anche Pasquale Di Ciommo, vice governatore Lions Club Bari, Francesco Lentini presidente dell’Associazione EurOrchestra da camera di Bari e Riccardo Marino della Soprintendenza archivistica e bibliografica di Puglia e Basilicata. 

    Con il 1° Concorso Fotografico il “Lions Club Bari” invita a rappresentare e/o raccontare attraverso le immagini, la città di Bari, con particolare attenzione alle seguenti tematiche: Il centro storico: la vita nel centro storico; La città ed il mare; Come si è sviluppata la città: le periferie.

    La partecipazione è aperta a tutti gli appassionati di fotografia senza distinzione tra dilettanti e professionisti e senza limitazione d’età. La data ultima di partecipazione è il prossimo 3 maggio

    Il bando del concorso è disponibile al seguente link: https://www.facebook.com/groups/749964308492783/files/

    La cerimonia di premiazione si svolgerà nel mese di maggio presso la biblioteca di Palazzo Sagges (strada Sagges, 3) nel centro storico di Bari, sede della Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Puglia e della Basilicata.

    Inoltre i Lions club di Bari nella loro attività di mecenati delle belle arti sponsorizzano, in collaborazione con la EurOrchestra da camera di Bari, il concorso internazionale dei nuovi interpreti, giunto quest’anno alla nona edizione, mettendo a disposizione dei giovani talenti una Borsa di studio per permettere loro di proseguire i loro difficili studi.

    Il Concorso si terrà a Bari dal 30 maggio al 3 giugno 2018.

    Info su : https://www.facebook.com/concorsi.eurorchestra/about

    https://www.facebook.com/EurOrchestra-da-Camera-di-Bari-1743604715956017/

  • "Bari never ends", online l'avviso pubblico

    Maselli SilvioÈ online sul sito istituzionale del Comune di Bari il protocollo che regolamenta le condizioni e modalità della concessione d’uso del brand “Bari Never Ends”.

    Il protocollo, approvato dalla giunta comunale lo scorso 20 giugno su proposta dell’assessore al ramo, Silvio Maselli, prevede che soggetti pubblici o privati, aziende, enti, associazioni, produttori di beni, artigiani, operatori turistici ed esercenti possano utilizzare il marchio della città di Bari corrispondendo al Comune royalties di importo pari al 3% del prezzo di vendita del singolo prodotto brandizzato.

    L’uso del brand “Bari Never Ends” è invece concesso a titolo gratuito a: enti pubblici, nell’ambito delle loro attività istituzionali; istituzioni culturali, educative, scientifiche, sportive e sociali nonché ad enti privati, associazioni ed altre organizzazioni senza fine di lucro o persone fisiche che svolgano analoghe attività non lucrative.

    La concessione ha la durata di 4 anni, salvo revoca o rinuncia, e potrà essere rinnovata presentando una nuova istanza di concessione in licenza.

    Tutti i soggetti interessati potranno presentare la richiesta inviando l’apposito modulo all’indirizzo pec Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; saranno i funzionari della ripartizione comunale Culture ad effettuare l’istruttoria delle istanze pervenute per procedere alla relativa autorizzazione.

    “Giunge oggi a compimento la nostra strategia - commenta l’assessore alle Culture e al Turismo Silvio Maselli - che mira a dotare Bari di una identità visiva e a liberare le energie e la fantasia dei soggetti pubblici e privati in grado di moltiplicare e diffondere nel mondo e a Bari tale identità che, unitamente agli spot video, alla comunicazione below e above the line, definiamo brand turistico-culturale, cui presto si affiancherà anche la fase di promo-commercializzazione turistica grazie alla Bari Guest Card, di imminente avvio

    Da oggi concessionari di servizi turistici, agenzie pubblicitarie e di marketing, musei, gestori di spiagge e lidi, info point turistici, negozianti al dettaglio, operatori economici e istituzionali potranno realizzare e vendere oggetti recanti il marchio “Bari Never ends”, declinato secondo il manuale d’uso, riconoscendo al Comune di Bari esclusivamente il 3% dell’importo delle vendite. Libero spazio dunque alla loro creatività e fantasia, e campo libero al merchandising di quasi tutte le categorie merceologiche per i quali il marchio è registrato a livello comunitario. Il brand Bari, così, conoscerà una nuova fase espansiva, consentendo a soggetti privati e pubblici di trarne il proprio giusto guadagno e rendendo Bari una città finalmente attenta alla propria immagine, al pari di altri grandi e medie municipalità europee”.

    Il marchio figurativo brand “Città di Bari”, declinato nei cinque marchi figurativi “Bari Never Ends”, “B”, “A”, “R”, “I” ,è stato registrato presso l’EUIPO - Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale.

  • "Cinema America" chiude a Roma ma potrebbe venire a Bari

    Maselli SilvioAppresa la notizia della cessata attività di Cinema America nella città di Roma, l’assessore alle Culture Silvio Maselli, in collaborazione con l’Apulia Film Commission, ha proposto pubblicamente agli organizzatori la candidatura del Comune di Bari a ospitare la manifestazione cinematografica nelle piazze cittadine per consentire la prosecuzione di un’esperienza che rappresenta un modello virtuoso di valorizzazione e promozione del territorio, della cultura e dell’impegno giovanile in questo settore.

    “Questa esperienza, nata dalla passione per il cinema di un gruppo di giovani, non deve interrompersi - spiega Silvio Maselli - perché esprime un modello di impegno culturale e di imprenditoria giovanile da replicare, e non da mortificare. Negli anni centinaia di giovani, cittadini residenti e i migliori cineasti d’Italia si sono incontrati a Roma, in piazza San Cosimato, per vivere insieme l’emozione che solo il cinema sa regalare, facendo rinascere una piazza storica e offrendo un grande contributo alla crescita culturale della città. Per questo siamo pronti, grazie anche alla collaborazione e alla presenza della Apulia Film Commission, a proporre agli organizzatori una gestione barese di Cinema America che possa rendere merito allo spirito di un’iniziativa che ben si adatta al nostro territorio e che può avvalersi delle tante maestranze del settore che in questi anni si sono specializzate”. 

  • "Crescere in digitale", a Bari una nuova opportunità per le imprese

    Più di 50 tirocini avviati, nelle province di Bari e BAT. Alla Camera di Commercio di Bari procede con il vento in poppa "Crescere in digitale",  il  progetto nato grazie alla collaborazione tra Google, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Unioncamere, con l'obiettivo di aumentare l’occupazione dei giovani italiani e migliorare la digitalizzazione delle PMI.

    "In Italia ci sono due milioni e mezzo di giovani (di età compresa tra i 15 e i 29 anni) che non fanno nulla, i cosiddetti neet.  Un dato sconcertante che pesa come un'ipoteca sul futuro di un intero Paese. 'Crescere in digitale' è una opportunità da non farsi sfuggire per molti di loro. La Camera di Commercio di Bari si è fatta promotrice di questa  iniziativa dal settembre 2015 e, ad oggi, dopo la riconferma per l’anno 2017, sono stati svolti ben 10 incontri tra aziende e tirocinanti del territorio", ha dichiarato il presidente della Cdc Alessandro Ambrosi.

    Il progetto "Crescere in digitale" prevede un percorso formativo strutturato in 50 ore di corso online, un laboratorio nel territorio di residenza e un’esperienza di tirocinio formativo presso una azienda richiedente, iscritta anch’essa al progetto. La durata massima del tirocinio è di 6 mesi e il tirocinante riceve un rimborso spese di 500 € al mese. Possono partecipare al progetto le aziende di ogni dimensione o settore.

    Luisa Sangiorgio, Angelo Lopriore, Marco Bartucci e Marco Schiavone gli ultimi ragazzi che hanno da poco iniziato la loro esperienza di tirocinio all’interno delle aziende locali.

    Il progetto, all’interno della CCIAA di Bari, è coadiuvato da un funzionario dell'ente barese, Dott. Francesco Mininni, e dal Digital Strategist incaricato dall’Istituto G. Tagliacarne di Roma, Dott. Vito Macina.

  • "E' giunta l'ora di donare il sangue" con Ciao Vinny

    ambulatorioQuesta mattina, il sindaco Antonio Decaro e le assessore della giunta comunale Francesca Bottalico e Carla Palone hanno partecipato alla raccolta sangue straordinaria “È giunta l'ora di donare il sangue” organizzata dalla Fondazione Ciao Vinny Onlus per il sedicesimo anno consecutivo.

    Insieme ai rappresentanti istituzionali altre 100 persone si sono recate da questa mattina al Policlinico di Bari per aderire alla richiesta di sangue. Al termine della donazione Tesori di Sicilia, che come ogni anno sostiene in questo modo l'iniziativa della Fondazione, ha offerto la colazione a tutti i partecipanti.

    "È un piccolo gesto che può salvare la vita di tante persone - ha aggiunto il sindaco Decaro -. Nel periodo estivo tanti cittadini vanno in vacanza e quindi spesso si allontana il pensiero di chi può vivere un momento di difficoltà e aver bisogno di sangue. Per questo è ancora più importante farlo in questi giorni in vista dell’estate. Voglio invitare tutti i cittadini baresi a venire a donare il sangue. Fortunatamente nella nostra città abbiamo tante associazioni e personale sanitario sensibile al tema che gestisce tutte le procedure e promuove giornate come questa che fanno bene alla nostra comunità”.

    "Ogni Estate è emergenza sangue. Si esce la sera, si fa tardi. È più facile mettersi alla guida stanchi, o dopo aver bevuto un bicchiere di troppo. Spingere sull'acceleratore e... boom! Fare incidenti. La cronaca di questi giorni ne è purtroppo già triste testimone - commenta Lorenzo Moretti, vice presidente della Fondazione -. Dall'altra parte diminuiscono i donatori e le scorte di sangue, il che mette a rischio gli interventi. Oggi abbiamo ottenuto un grande risultato con i nostri 100 donatori, ma invitiamo tutti a recarsi anche nei prossimi giorni e nelle prossime settimane a donare".

  • "Fuckleucemia", il Comune incoraggia il...coraggio

    fuckleucemia decaro con i piccoliUna delegazione di famiglie di bambini affetti da leucemia è stata ricevuta questo pomeriggio il sindaco di Bari Antonio Decaro nel suo ufficio a Palazzo di Città. Sono coloro che, in collaborazione con Apleti onlus, hanno ideato e lanciato la campagna benefica “Sempre e solo fuckleucemia”, i cui proventi saranno destinati alla realizzazione dello spazio “Oltreop” pensato per offrire supporto psicosociale a bambini e adolescenti oncologici e alle loro famiglie, oltre le mura dell'ospedale, tramite la vendita delle t-shirt fuckleucemia, con donazione libera minima di 10€.

    “Ho voluto incontrare Ethan e Fabio, piccoli guerrieri della vita, per testimoniare loro il mio sostegno a questa iniziativa - dichiara il sindaco Antonio Decaro - che vuole offrire ai piccoli pazienti oncologici e alle loro famiglie un percorso segnato da attività terapeutiche, ludiche e ricreative finalizzate ad aiutarli a raggiungere un pieno recupero emotivo e comportamentale nella fase di avvio delle terapie a casa. Credo sia una causa importante da promuovere e sostenere tutti insieme perché, oltre la dimensione delle cure ospedaliere, esiste una dimensione legata a un necessario e delicato recupero della normalità in tutti gli ambiti della vita: nella scuola, nella famiglia e nelle relazioni con i loro coetanei. Per questo sempre e solo #fuckleucemia”.

  • "I promessi sposi", a Bari commedia all'insegna della solidarietà

    Bottalico assessoreÈ stata presentata questa mattina, a Palazzo di Città, la commedia musicale “I promessi sposi” della compagnia teatrale “Le maschere dell’Auxilium”, in programma giovedì 17 maggio, alle ore 20, nel teatro polifunzionale AncheCinema con il patrocinio del Comune di Bari.

    All’incontro con la stampa sono intervenuti l’assessore al Welfare Francesca Bottalico, il presidente di Amaltea Eventi Filippo Ciaccia, l’educatrice Filomena Abbadessa, Andrea Costantino, amministratore unico della AncheCinema srl e tutti gli attori ed educatori della compagnia.

    Lo spettacolo, realizzato da Amaltea Eventi con la direzione artistica e la regia di Filippo Ciaccia, ha voluto dar voce al mondo del sociale coinvolgendo persone con disabilità intellettiva che frequentano le strutture sanitarie e socio-sanitarie dell’impresa sociale Auxilium di Altamura.

    La compagnia, nata due anni fa, è composta da circa 50 persone tra ospiti di strutture di riabilitazione psichiatrica, attori, semplici uditori, costumisti, addetti alla scenografia, volontari, artisti esterni ed educatori.

    Lo spettacolo “I promessi Sposi”, riscritto e reinterpretato in chiave ironica, è stato messo in scena per la prima volta il 4 maggio dello scorso anno sul palco del Teatro Mercadante di Altamura e rientra nel progetto “Sipario Amico” dello stesso teatro.

    “Il percorso di avvicinamento al mondo del teatro è stato graduale - sottolinea Filippo Ciaccia, in scena con gli altri attori -. Siamo partiti dallo studio della storia del teatro, abbiamo partecipato a lezioni di dizione e respirazione, abbiamo visto diversi altri spettacoli teatrali, ci siamo cimentati con il movimento scenico e abbiamo scelto insieme il nome della compagnia e l’opera da mettere in scena e ogni ruolo è stato assegnato in base alle caratteristiche, alle attitudini e ai desideri di ciascuno. Questo progetto favorisce il processo di inclusione sociale tra gli “attori speciali”, elemento cardine della riabilitazione psichiatrica”.

    “La nostra idea di welfare non passa solo per i servizi - commenta Francesca Bottalico - ma per un’idea di comunità che si fonda sulla condivisione di spazi e di saperi, e sullo scambio di esperienze. Per questo il percorso della compagnia “Le maschere dell’Auxilum” rappresenta un esempio da seguire: per la capacità di tenere insieme competenze e dinamiche diverse che sfruttano la potenza del teatro per favorire, concretamente, l’inclusione sociale e offrire a chi soffre di problemi psichiatrici un’occasione per mettersi in gioco, misurarsi con l’esterno e costruire una nuova consapevolezza, passaggi fondamentali per una possibile riabilitazione. Non a caso stiamo pensando di avviare un progetto analogo con le realtà dei centri diurni e le associazioni del territorio”.

    “Collaboriamo con Amaltea e con Filippo Ciaccia da un anno - prosegue Andrea Costantino -. AncheCinema ha riqualificato l’ex teatro dei ferrovieri rendendolo un luogo di produzione culturale e di intrattenimento a 360 gradi. Abbiamo realizzato servizi unici per i diversamente abili con fondi privati e con una gestione polifunzuonale virtuosa e unica a Bari. Filippo ha scelto di portare questo spettacolo da noi anche perché l’attenzione che Amaltea ha donato al mondo dei diversamente abili è la stessa che AncheCinema da 2 anni con grande impegno ha concesso al mondo delle associazioni e a chi partecipa attraverso il mondo delle associazioni all’impegno sociale”.

    Filomena Abbadessa, una dei referenti del progetto, evidenzia quanto il progetto teatrale sia un lavoro che nasce con l'intento di dare uno strumento di lettura del valore della corporeità e delle emozioni come collante tra mente e corpo, importante strumento di riabilitazione.

    Lo spettacolo, a inviti, è a ingresso libero: nel corso della serata del 17 maggio tutti potranno dare il proprio contributo in maniera libera per realizzare il sogno di istituire una compagnia teatrale integrata stabile.

    Per informazioni e prenotazioni: 392 2262286.

  • "Le pietre parlano": gli alunni della Piccini scoprono Bari vecchia

    Romano pietre parlanoSi è svolto a Bari l’evento conclusivo del progetto annuale “Le pietre parlano”, sostenuto dall’assessorato alle Politiche educative e giovanili, che ha visto gli alunni delle classi IV e V della scuola elementare Piccinni approfondire la conoscenza del patrimonio storico, culturale e artistico della città, con particolare riferimento ai tesori di Bari vecchia.

    Dal fossato del Castello Svevo: le giovanissime guide turistiche hanno condotto i docenti e i loro familiari nelle piazze e nei vicoli della città vecchia, alla scoperta degli angoli nascosti e delle “pietre” che raccontano la nostra comune storia.

    “Per imparare ad amare la nostra città bisogna innanzitutto conoscerla – spiega l’assessore Paola Romano -. Oggi è stato bellissimo essere con tanti ragazzi, genitori, nonni e insegnati nel fossato del Castello Svevo. Le giovanissime guide turistiche, con l'aiuto dei bravissimi insegnanti, hanno raccontato e messo in scena la storia della città alla scoperta degli angoli nascosti e delle “pietre” che hanno il potere del racconto, perché sono la testimonianza del nostro passato e della nostra identità culturale. Questo progetto ci dimostra che investendo sulla formazione e sulla conoscenza dei più piccoli possiamo coltivare quel senso di appartenenza e quell’amore per la città che sono premesse di un rinnovato senso di comunità”.

  • "Mosca, casa nostra": conclusa la visita di Emiliano e Decaro

    emiliano reintro da Mosca 3 2Una serie di importanti incontri istituzionali hanno chiuso la breve, ma intensa missione in occasione dell’inaugurazione del volo Bari Mosca della delegazione pugliese a Mosca, guidata dal presidente Michele Emiliano, accolta con tutti gli onori e con amicizia.

    Ieri, dopo la conferenza stampa alla presenza di oltre 120 giornalisti, la delegazione pugliese ha incontrato nella sede del Comune di Mosca, Sergey Cheremin, ministro per la cooperazione economica e le relazioni internazionali di Mosca, e il presidente Commissione Cultura della Duma di Mosca. Erano presenti anche Giovanni Bastianelli, direttore Esecutivo ENIT Italia, e Irina Petrenko, responsabile ufficio ENIT di Mosca.

    Nel pomeriggio, nella sede dell’Ambasciata d’Italia a Mosca, si è svolto un incontro con l’ambasciatore Pasquale. E questa mattina, infine, prima del rientro a Bari, nella sede del Comune di Mosca, importante incontro con Alexei Shaposhnikov, presidente della Duma della Città di Mosca e Irina Ilycheva, deputata della Duma di Mosca.

    Molto soddisfatto il presidente Emiliano: “Si conclude oggi la nostra breve missione a Mosca. Oggi siamo stati ricevuti dal presidente della Duma, il Parlamento della città di Mosca, una città stato con poteri legislativi, una delle più importanti al mondo. La nostra delegazione con il sindaco di Bari e i rappresentanti di Aeroporti di Puglia e delle agenzie del turismo e della cultura, è stata ricevuta con grande affetto e grande onore. Questo incontro è il frutto di molti anni di lavoro, cominciato nel 2007, quando il presidente Vladimir Putin venne a Bari per il vertice Italo russo; abbiamo continuato a lavorare su quella traccia conseguendo risultati in termini di legami e di amicizia, consolidati dalla recente missione fatta da me e dal sindaco di Bari per portare a Mosca la reliquia di San Nicola, fatto quest’ultimo che ha rafforzato il legame fraterno fra la Puglia e questa meravigliosa città. Noi ci siamo sentiti a casa. In questi giorni è accaduto qualcosa di molto importante: abbiamo capito di avere una relazione di amicizia vera e profonda con Mosca. Ringraziamo San Nicola per questo dono”.

  • "Natural...mente scuola" con l'istituto "Leonardo da Vinci" di Bisceglie

    Naturalmente scuola 2017 2Per la Puglia il progetto vincitore si chiama, “Organicview”. E’ stato elaborato dagli studenti del Liceo scientifico Leonardo da Vinci di Bisceglie e consiste nell’inserimento di celle fotovoltaiche organiche nello spessore di tutte le superfici vetrate dei velivoli. La parte fotostatica è costituita da composti organici che simulano il processo di fotosintesi clorofilliana.

    Per la Campania la vittoria è stata assegnata agli studenti della scuola I.T.I. “E. Barsanti” di Pomigliano d’Arco (NA) grazie al progetto “AEGM srl”, che mira a ridurre le emissioni di CO2 negli aeroporti attraverso la movimentazione elettrica dei velivoli, al posto dell’impiego degli usuali veicoli a combustibile.

    I due progetti vincitori, selezionati tra più di 2100 studenti di Puglia e Campania e 58 idee di business attinenti al settore aeronautico, si sono aggiudicati la nona edizione del progetto “Natural…mente Scuola”, il programma di educazione all’imprenditorialità e alla sostenibilità rivolto alle Scuole di Secondo Grado di Puglia e Campania promosso da “Boeing”, “Leonardo” e “Avio Aero” con la collaborazione del Politecnico di Bari, partner dell’iniziativa dal 2012.

    La giornata conclusiva e di premiazione si è svolta ieri nel campus universitario del Poliba alla presenza degli organizzatori, dei rappresentanti aziendali, della scuola. Il Rettore del Politecnico, Eugenio di Sciascio non ha fatto mancare la sua partecipazione e, oltre ad incitare gli studenti ad impegnarsi con idee nuove e originali, ha ricordato gli stretti legami che l’ateneo ha con le aziende del settore aeronautico che sostengono il progetto giunto alla sua nona edizione.  

  • "Uniti per la pace" con un torneo di calcio a 7 solidale

    porta a tre quartiSi terrà domenica 17 dicembre a Bari, a partire dalle ore 9.30, presso il centro sportivo Olimpic Center, la terza edizione di “Uniti per la pace”, il torneo amichevole di calcio a 7 organizzato per alla raccolta fondi a favore dell’associazione Onlus Moscati al fine di sostenere il progetto “Solidali dalla testa ai piedi”. L’evento vedrà coinvolte le rappresentative di UniBA ASD, Comune di Bari, Croce Rossa Italiana, Poste Italiane, Hara ASD, Invictus LAM ASD e Cedip. 
    Per i più piccoli verranno organizzate diverse attività, fra le quali trucca bimbi, la realizzazione di figure con palloncini modellabili e la consegna di doni da parte di Babbo Natale, il tutto in una cornice di musica, divertimento e solidarietà.

  • "Zero cani in canile", il progetto diventa operativo

    zero cani in canile incontroQuesta mattina, alla presenza del sindaco Antonio Decaro e del consigliere delegato del sindaco alle politiche per la tutela ed il benessere degli animali Livio Sisto, si è svolta la prima riunione operativa nell’ambito del progetto “Zero cani in canile”, ideato da Francesca Toto, cui il Comune di Bari ha aderito.

    Tra le iniziative previste dal progetto c’è la costituzione di una task force di controllo, insediatasi questa mattina, composta da diversi soggetti e istituzioni deputati al controllo, alla prevenzione e alla repressione di comportamenti illeciti e dannosi nei confronti degli animali. Al tavolo convocato questa mattina, oltre al Comune di Bari, hanno partecipato i rappresentanti di Zero cani in canile, della Polizia locale, dei Carabinieri forestali, delle associazioni interessate, dei Carabinieri, dell’unità cinofila della Polizia di Stato e del servizio Rangers.

    L’obiettivo dell’amministrazione comunale, condiviso con i presenti, è quello di realizzare una città “animal friendly” che miri alla tutela e al benessere degli animali. siano essi domestici, inseriti in strutture o randagi. Per questo è necessario costituire una rete stabile tra soggetti, istituzioni, associazioni e forze dell’ordine che porti avanti un monitoraggio costante del territorio, dei servizi e della gestione degli animali, a partire dai canili dove occorre istituzionalizzare orari di accesso permanenti, procedure semplificate per le adozioni, controlli più stringenti sulle cosiddette “staffette” per randagi e la modifica di alcune normative che potrebbero agevolare il rispetto dei diritti e dei doveri dei proprietari di animali nei luoghi pubblici, come ad esempio le spiagge. 

    “Vogliamo passare da una politica per la tutela ad una politica per il benessere degli animali – spiega il sindaco -. Siamo consapevoli che non è semplice districarsi nel quadro normativo previsto dalla materia e per questo è ancora più importante creare un gruppo di lavoro stabile e definito che, su diversi piani e con differenti azioni, possa intervenire per modificare alcune situazioni in corso o per prevenire comportamenti illeciti sia nei confronti degli animali sia nei confronti della comunità. La questione dell’accesso agli spazi pubblici ne è l’esempio, come anche la gestione dell’anagrafe canina che deve essere aggiornata costantemente su più livelli, in modo da monitorare costantemente la presenza sul territorio. Il coinvolgimento delle Forze dell’ordine non ha certamente l’obiettivo di aumentare le sanzioni per i proprietari degli animali inadempienti, perché così agevoleremmo solo il fenomeno dell’abbandono, ma invece intende tutelare in primis gli animali da eventuali reati e informare in maniera puntuale ed esaustiva tutti i proprietari di animali sulle procedure per il rispetto delle regole, della salute dei loro amici a quattro zampe e dell’intera comunità. Per quanto ci riguarda, stiamo investendo su politiche “animal friendly” strutturando tutti i nuovi luoghi pubblici (parchi, giardini e spiagge) con aree dedicate alla presenza di cani in modo da definire spazi di convivenza e rispetto reciproco”.

    “È importante la presenza di tutti i soggetti coinvolti - ha concluso Livio Sisto - così come è importante comunicarci come una squadra che lavora per raggiungere un unico obiettivo. Condividere le informazioni di cui ognuno di noi è in possesso e le nostre esperienze sul tema può servire a mettere in campo politiche più efficaci, che non solo permettano agli animali di vivere meglio ma anche di risparmiare fondi pubblici. Non bisogna infatti dimenticare che i canili sono finanziati da risorse pubbliche che non sono illimitate e che diminuiscono nel tempo. Perciò è meglio lavorare da subito sulla formazione, prevenzione e sensibilizzazione e, non da ultimo, sulla maggiore offerta dei servizi”.

    “Zero cani in canile” è un progetto gratuito per le amministrazioni e basato su 5 azioni fondamentali: educazione e formazione; sterilizzazioni, profilassi e cure; adozioni e integrazione degli animali nel tessuto sociale; gestione e conversione dei canili in oasi polifunzionali.

  • 25 chili di droga in arrivo dal Montenegro sequestrati nel porto di Bari

    foto1 6Circa 25 kilogrammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana ed hashish sono stati sequestrati nel porto di Bari dai finanzieri del Gruppo Bari, unitamente a funzionari della locale Agenzia delle Dogane, all’esito di una serie di controlli finalizzati al contrasto dei traffici illeciti, con particolare riferimento a quelli in materia di sostanze stupefacenti. Arrestata anche una persona.

    A seguito dell’attenta analisi degli elementi di rischio giornalmente effettuata, è stato individuato un cittadino montenegrino di 53 anni, sbarcato nel porto di Bari, dalla Motonave Dubrovnik proveniente dal Montenegro – alla prima tratta stagionale Bar/Bari -, a bordo di una autovettura Fiat Ulisse.

    L’approfondimento del controllo effettuato grazie all’esperienza maturata dagli investigatori anche dopo il rilevamento di ulteriori incongruenze sui motivi del viaggio manifestate dal conducente del mezzo, ha consentito di individuare un carico di marijuana ed hashish contenuto in 28 confezioni di cellophane sottovuoto, abilmente occultato all’interno di un vano naturale dell'autovettura posto sul pianale della stessa e modificato in alcune sue parti nonché protetto da lastre in piombo (idonee ad eludere eventuali controlli a mezzo pubblico ministero presso il Tribunale di Bari, è stato associato alla locale casa circondariale per il reato di traffico internazionale di sostanze stupefacenti, mentre lo stupefacente sottoposto a sequestro, unitamente al mezzo utilizzato per l’illecito trasporto.

    Sono in corso accertamenti per individuare ulteriore responsabilità ed i destinatari della droga.

  • 30 chili di eroina nascosti in un tavolino di legno chiuso in auto

    droga finanza 1Oltre 30 chilogrammi di eroina sono stati sequestrati dai finanzieri del Gruppo Bari unitamente ai funzionari della locale Agenzia delle Dogane, nel porto di Bari durante una serie di controlli finalizzati al contrasto dei traffici illeciti, con particolare riferimento a quelli in materia di sostanze stupefacenti. Contestuale l’arresto di due responsabili.

    A seguito dell’attenta analisi degli elementi di rischio giornalmente effettuata, sono stati individuati un cittadino albanese di 21 anni ed una cittadina greca appena maggiorenne, sbarcati nel Porto cittadino, dalla Motonave Superfast proveniente dalla Grecia, a bordo di una vecchia autovettura tipo Renault Megane coupe.

    L’approfondito controllo effettuato grazie all’esperienza maturata dagli investigatori, anche dopo il rilevamento di ulteriori incongruenze sui motivi del viaggio manifestate dal conducente del mezzo, si è concentrato sulle masserizie caricate alla rinfusa nel bagagliaio e sul sedile posteriore, in particolare su un tavolino pieghevole in legno ed altre tavole dello stesso tipo.

    L’anomalo peso degli stessi ed altri elementi di sospetto, ha consentito di accertare che ciascuna tavola di legno, dello spessore di alcuni centimetri, conteneva occultati al suo interno, panetti di sostanza stupefacente; sia le tavole che il tavolino erano infatti costituite da due fogli di compensato incollati tra loro e ben chiusi alle estremità, nelle cui intercapedine erano stati occultati 56 panetti di eroina di due diversi tipi (chiara e scura).

    I due giovanissimi corrieri, su conforme parere del pubblico ministero presso il Tribunale di Bari, sono stati tratti in arresto ed associati alla locale casa circondariale ed a quella di Trani per il reato di traffico internazionale di sostanze stupefacenti, mentre lo stupefacente sottoposto a sequestro, unitamente al mezzo utilizzato per l’illecito trasporto.

    Sono in corso accertamenti per individuare il canale di approvvigionamento ed i destinatari dell’eroina.

  • A "Pezze e Cicorie" presto sorgerà un parcheggio

    Galasso a pezze e cicorie a San Giorgio 1 1 2L’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso, accompagnato dal consigliere e vicepresidente del Municipio I Lorenzo Leonetti e dai tecnici comunali dei settori Strade e Impianti, ha effettuato un sopralluogo a “Pezze e Cicorie”, località sul lungomare di strada detta della Marina a San Giorgio, tra Baia San Giorgio e Torre a Mare. Si tratta di una vasta area che allo stato si presenta pianeggiante e completamente incolta con erba alta, e che sarà sistemata attraverso uno spianamento e poi coperta con materiale inerte stabilizzato, come già fatto per l’area parcheggio adiacente il mercato di via Pitagora a Japigia. Si tratta della prima lavorazione che sarà eseguita nell’ambito del nuovo appalto per le manutenzioni ordinarie, in fase di consegna, e che si stima di poter eseguire entro la fine di giugno.

    “La nostra idea - commenta l’assessore Galasso - è quella di sistemare l’area a parcheggio facendo in modo che nella parte centrale, di circa sette metri di larghezza (pari a due corsie di marcia da 3,5 metri cadauna), si possa continuare a transitare con doppio senso di marcia, e nelle parti laterali si possa parcheggiare in maniera ortogonale le autovetture, per una capienza stimata di circa 200 posti auto considerata l’ampiezza complessiva dell’area. Nel sopralluogo odierno sono stati coinvolti anche i tecnici del settore Impianti a rete perché, nell’ambito dell’appalto relativo alla sostituzione di tutti i corpi illuminanti di strada detta della Marina, recentemente aggiudicato e di prossima contrattualizzazione, con avvio lavori previsto entro fine giugno, contiamo di installare 5 nuovi pali in più per illuminare la nuova area parcheggio, così da renderla sicura per quanti ne usufruiranno. Le lavorazioni per realizzare le fondazioni dei pali avverranno contestualmente alla posa dello stabilizzato mentre quelle per il posizionamento dei pali e dei corpi illuminanti saranno eseguite nel corso dell’estate durante gli interventi per la sostituzione dei corpi illuminanti sul lungomare di San Giorgio. Questo intervento costituisce una risposta concreta alla forte domanda di parcheggi necessari al quartiere per soddisfare l’enorme flusso di autovetture che specialmente nel periodo estivo si riversa sulla costa”.

  • A 26 anni dalla "Vlora" un premio alla solidarietà dei baresi

    anniversario VloraIn occasione del 26° anniversario dello sbarco della nave Vlora nel porto di Bari, avvenuto l'8 agosto 1991, questa mattina il vicesindaco Pierluigi Introna e l’assessore al welfare Francesca Bottalico hanno conferito il sigillo della Città di Bari ad Eliana Quadrato, un cittadina che si è distinta per solidarietà e impegno accogliendo l'appello dell'Amministrazione a donare indumenti e alimenti durante gli sbarchi di migranti avvenuti a Bari il 21 maggio e il 15 luglio scorsi.

    “È un dovere per l’amministrazione comunale insignire i cittadini che si sono distinti per impegno e solidarietà in occasioni particolari senza nulla chiedere in cambio – ha esordito il vicesindaco Introna alla presenza della cittadina accompagnata dalla sua famiglia -. Proprio come accadde 26 anni fa quando arrivarono a Bari 20.000 albanesi, i baresi e l'Amministrazione comunale guidata dall'indimenticabile Enrico Dalfino hanno dimostrato grande cuore e, soprattutto, grande spirito di accoglienza. Oggi conferiamo il sigillo alla signora Quadrato ma idealmente lo consegniamo, in segno di gratitudine, a tutti quei cittadini che, allora come oggi, in maniera del tutto anonima si sono distinti con gesti di solidarietà e generosità. La signora, non solo ha donato indumenti e viveri in occasione degli ultimi sbarchi di migranti a Bari, ma si è trattenuta a lavorare insieme a noi per organizzare lo smistamento di quanto raccolto. La città di Bari è orgogliosa di avere cittadini come la signora Quadrato, ed è per questo un onore per noi, avere oggi il piacere di conoscerla e di riconoscerla".

     “Per noi è importante questa giornata – spiega l’assessore al Welfare Bottalico - perché è importante ricordare la storia della città di Bari che vede nell’arrivo della Vlora un momento molto importante. In questa giornata non ricordiamo solo l’arrivo di tanti albanesi, ma ricordiamo anche la straordinaria partecipazione che la città seppe dimostrare in quell’occasione e che dimostra ancora oggi. Siamo felici di premiare la solidarietà manifestata da Eliana, in rappresentanza degli oltre 3000 cittadini che come lei hanno donato tantissime cose per aiutare le persone sbarcate a Bari nelle settimane scorse. A ciò si aggiunge l’umiltà con la quale molte persone ogni giorno operano silenziosamente per aiutare chi è in difficoltà. Eliana ha partecipato spontaneamente alla raccolta, leggendo semplicemente un annuncio sul giornale, poi ha scelto di restare ad aiutarci perché credo anche lei sia rimasta colpita dalla mole di donazioni che abbiamo ricevuto in pochissime ore, a testimonianza della straordinaria capacità della città di Bari di distinguersi in momenti di difficoltà”.

  • A 90 anni è scomparso "Marnarid", il cordoglio del sindaco Decaro

    Decaro AntonioE’ scomparso all’età di 90 Domenico Sifanno, noto ai baresi come “Marnarid”, titolare del negozio di dolciumi più famoso della città, situato nella città vecchia.

    "La scomparsa del nostro concittadino Domenico Sifanno, meglio conosciuto come Mngùcc Marnarid, storico proprietario della bottega di dolciumi più famosa della città - commenta il sindaco Decaro - mi addolora molto. Il Marnarid è un luogo simbolo del commercio più autentico ed ospitale della Città vecchia. Da sindaco ho avuto l'onore di festeggiare insieme a lui e alla sua famiglia i 150 anni della famosa attività e, in quell'occasione, tutta la città ha potuto riconoscere alla famiglia il grande lavoro svolto nel tempo e la capacità di innovarsi nel solco della tradizione, da sempre il valore aggiunto della famiglia e del negozio. Alla famiglia vanno il mio abbraccio più sincero e il saluto di tutta la comunità barese".

  • A Bari 24 sequestri di fuochi illegali prima dell'arrivo del nuovo anno

    fuochi illegali 1Tra sabato e domenica, ultimo week end del 2017 a Bari sono stati effettuati 24 sequestri (8 sabato, 6 domenica mattina e 8 nel pomeriggio), in particolare nei quartieri Carrassi, San Pasquale e Japigia. L’operazione è stata condotta congiuntamente da agenti della Polizia Locale, Polizia di Stato e Carabinieri per la prevenzione della vendita illegale di fuochi d’artificio. L’obiettivo era far rispettare l’ordinanza del sindaco Decaro, circa il divieto di far esplodere materiale pericoloso ed illegale al passaggio tra vecchio e nuovo anno, oltre a limitare i possibili pericoli che avrebbero potuto derivarne.

  • A Bari arriva "Civica", volontariato a portata di click

    progetto Civica 2È stato presentato questa mattina, a Palazzo di Città, il progetto “Civica” realizzato dalla coop. sociale Lavoriamo Insieme Onlus, in partenariato con Agesci Regione Puglia, Abusuan, Istituto Salesiano Redentore, SAID Coop. Soc. e Small, patrocinato dal Comune di Bari e finanziato dalla Fondazione con il Sud, nell’ambito del bando “Con il Sud che partecipa”. All’incontro con la stampa sono intervenuti l’assessore al Welfare Francesca Bottalico, la vicepresidente della cooperativa Lavoriamo Insieme Lia Percoco e alcuni dei volontari che hanno aderito alle azioni progettuali.

    Grazie a Civica da oggi fare volontariato è più semplice e a portata di click: Civica è un vero e proprio social network del volontariato che, attraverso una piattaforma multimediale, crea una rete tra cittadini dell’area metropolitana di Bari interessati a partecipare a eventi e attività socialmente utili e chi propone eventi e attività solidali - organizzazioni del Terzo Settore, istituzioni locali, agenzie culturali e sociali, imprese.

    Francesca Bottalico ha spiegato che Civica è un progetto importante e particolarmente significativo perché “si inserisce in un obiettivo più ampio di cittadinanza attiva ed esperienze di welfare di comunità diffuse per tutta la città e l’area metropolitana, a partire dalla valorizzazione delle competenze professionali che vengono messe a disposizione di singoli cittadini e di molte realtà del volontariato. Già in passato i baresi hanno mostrato la propria generosità e hanno risposto positivamente alle emergenze in diverse occasioni. In tanti servizi promossi dall’assessorato al Welfare sono già coinvolti molti cittadini e famiglie che offrono il proprio tempo e il proprio sapere per animare le diverse esperienze nate. D’ora in poi l’incontro tra la domanda e l’offerta di solidarietà sarà più semplice con l’avvio di Civica, che presto diventerà patrimonio dell’intera comunità”.

    Civica, infatti, è un portale in cui domanda e offerta si incrociano per scoprire come operare nella maniera più efficace sul territorio in sei diversi ambiti: socio- sanitario, solidarietà sociale (infanzia, anziani, migranti), educazione (dispersione scolastica), cultura (territorio, ambiente e patrimonio comune), diritti civili (tutela dei generi e delle diversità religiose) e protezione civile.

    “Per noi di Lavoriamo Insieme - ha sottolineato Lia Percoco - questo progetto rappresenta un ponte con il passato perché siamo nati oltre trent’anni fa da esperienze di volontariato che hanno fortemente influito sul nostro modo di operare e di approcciarci al sociale. Con il progetto Civica abbiamo voluto riprendere queste nostre radici e, con il supporto della partnership, essere da stimolo per chi ha il desiderio di prodigarsi per gli altri e non sa da che parte iniziare. La nostra idea di volontariato si è semplicemente modernizzata utilizzando una piattaforma informatica, la rete internet e i social network”.

    Grazie alla piattaforma, è possibile contribuire attivamente attraverso uno scambio che non è solo di idee, ma anche materiale, in termini di forza lavoro o di fondi che possono essere raccolti per il raggiungimento di obiettivi comuni, secondo il meccanismo del crowdfunding. Inoltre, tutte le esperienze realizzate con Civica sono disponibili in formato podcast e sempre consultabili, per consentire a tutti gli utenti, che siano privati, enti o aziende, di imparare tramite e-learning e scoprire come meglio strutturare o portare avanti il proprio obiettivo.

    Partecipare alla community è facilissimo, sia come privato cittadino che mette a disposizione il proprio tempo, sia come organizzazione che cerca volontari per realizzare al meglio le proprie iniziative, collegando al sito www.progettocivica.it, su facebook, progetto civica.

    Grazie ai form dedicati è infatti possibile iscriversi alla community di Civica, uploadare i contenuti, pubblicare un annuncio, scoprire quali progetti sono già in corso, reperire fondi per un progetto, prendere parte ad iniziative già avviate, commentare e scambiare opinioni, vedere i risultati di quanto già svolto tramite video e recensioni, ma anche imparare tramite e-learning strategie concrete per far sì che le proprie idee prendano una forma vincente.

  • A Bari avviati i controlli sulle serie luminose natalizie

    controlli vigili urbani NataleSono iniziate a Bari le attività di controllo congiunto sul territorio cittadino. Sono state 10 le unità impegnate e due le attività commerciali - medie strutture - ispezionate. Accertata violazione al Codice del Consumo artt. 6-7-12 D.Lgs. 206/2005 su merce esposta in vendita (materiale elettrico e serie luminose). Sequestrate 140 confezioni prive del contenuto minimo di informazioni sui prodotti e comminata una sanzione di euro 1.032 al commerciante di nazionalità cinese. Accertata inoltre la vendita su una superficie maggiore di quella dichiarata con la SCIA commerciale (quasi il doppio) sanzionata con un verbale di 5000 euro e verificate anche violazioni di natura urbanistico edilizia per abusivo ampliamento della Struttura originaria di vendita.
    I controlli congiunti proseguiranno nei prossimi giorni. L’attività si colloca nell'ambito del Protocollo di collaborazione contro la Contraffazione sottoscritto tra Comune di Bari/Polizia Locale e Agenzia delle Dogane.