Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

fal  fal

barletta palazzo di citta esternoBarletta si conferma “Città che Legge” anche per il biennio 2022-2023. Il significativo riconoscimento attribuito alle città che hanno promosso sul proprio territorio, con regolarità, attività di diffusione della lettura, è stato ottenuto nuovamente attraverso la biblioteca comunale “Sabino Loffredo” che ha curato la candidatura del Comune all’avviso pubblico emanato dal Centro per il Libro e la Lettura d’intesa con il Ministero della Cultura.

Sono 859 le “Città che leggono” che avranno diritto alla partecipazione ai bandi del Centro per il Libro e la Lettura e che potranno vedere sostenuti con finanziamenti statali i propri progetti finalizzati alla coniugazione del valore formativo della lettura con la sua dimensione “ludica” e con la sua valenza di strumento di dialogo in grado di favorire lo sviluppo e la coesione sociale.

“E’ dal 2017 che Barletta è ininterrottamente “Città che legge” – hanno commentato il sindaco Cosimo Cannito e l’assessore alla Cultura Oronzo Cilli – e ciò lo dobbiamo alla qualità dei molteplici progetti attuati negli ultimi anni, tutti finalizzati alla promozione del libro e della lettura per coinvolgere e sensibilizzare un pubblico quanto più esteso e diversificato con particolare riferimento al mondo scolastico. Grazie a questo riconoscimento potremo partecipare ai bandi ministeriali con la possibilità di ottenere contributi economici importanti, continuando, così, ad operare in questa meritoria attività di valorizzazione della lettura con progetti in grado di sensibilizzare anche fasce di età attualmente poco coinvolte”.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s