Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

fal  fal

Ma che città è questa in cui viviamo, nella quale si rubano i giocattoli destinati ai bambini poveri del quartiere più popolare?

Non è una domanda da poco. La verità è che ci dovremmo vergognare: perché già rubare ai bambini è una cosa che fa schifio; figuriamoci se si ruba ai bambini che non avrebbero alterative e che grazie a quei doni avrebbero trascorso un Natale un po’ più sereno. Magari dimenticando le difficoltà che sono costretti a sopportare e condividere con le proprie famiglie.

Voglio sperare che stavolta le forze dell’ordine riescano a individuare i ladri affinché la magistratura possa dare loro una severa lezione.

Se vogliamo diventare una città all’altezza dei tempi, se vogliamo scalare le classifiche di vivibilità, nelle quali siamo sempre in una zona più o meno da retrocessione, dobbiamo fare il salto di qualità. Ognuno di noi deve dare il proprio contributo. Anche mettendo nelle mani della giustizia questi escrementi dell’umanità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s