Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

fal  fal

carabinieri cinofili autoHa denunciato il marito, da cui si stava separando, facendo di fatto scoprire un traffico di stupefacenti che da Santeramo si sviluppava in diverse province della Puglia e della Basilicata. L’uomo, il 47enne, Michele Lapalombella, sarebbe il presunto punto di riferimento della rete di spaccio.

Sono nove le misure cautelari eseguite all’alba a Santeramo in Colle, dove oltre 50 carabinieri della Compagnia di Altamura, supportati, dal Nucleo Carabinieri Cinofili di Modugno e da un elicottero del 6° Nucleo Elicotteri dei Carabinieri di Bari, hanno dato esecuzione alle misure emesse dal GIP del Tribunale di Bari, Paola Angela De Santis, su richiesta del PM Michele Ruggiero della Procura di Bari, a carico di altrettanti soggetti del luogo, ritenuti responsabili, a vario titolo, di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

In particolare, i militari, attraverso una complessa indagine avviata nel mese di agosto 2019, hanno disarticolato una rete di spacciatori ramificata all’interno del tessuto sociale santermano che, quotidianamente, riforniva gli assuntori del posto ed alcuni clienti anche provenienti dalla provincia di Taranto e Matera. L’attività investigativa, condotta con l’ausilio di intercettazione telefoniche, servizi di osservazione e pedinamenti, ha consentito di documentare, in soli quattro mesi, circa 120 cessioni di sostanze illecite, oltre al sequestro di 26 grammi di cocaina, 355 grammi di hashish, 61 grammi di marijuana e di 2.450 euro, ritenuti provento dell’attività illecita.

I militari hanno monitorato circa 20.000 conversazioni telefoniche, nel corso delle quali gli indagati hanno utilizzato un linguaggio criptico di difficile interpretazione e dal quale scaturisce proprio il nome che ha dato avvio all’indagine denominata “abracadabra” che sottintendeva l’utilizzo di schede telefoniche che “magicamente” venivano intestate a nomi fittizi per i quali risultava complicata l’individuazione dell’effettivo utilizzatore.

A riscontro dell’ipotesi investigativa, sono stati altresì tratti in arresto, nella flagranza di reato, due soggetti del luogo trovati rispettivamente in possesso di 53 grammi di hashish e di tre panetti della stessa sostanza del peso ciascuno di 100 grammi.

Il provvedimento cautelare ha colpito Lapalombella Michele 47enne, Lanzolla Renzo Valentino 31enne, Pesce Martino 40enne, Moschetta Giuseppe 43enne, destinatari della misura custodiale in carcere, Petragallo Erasmo 47enne e Martino Antonio 34enne destinatari degli arresti domiciliari e Capece Antonio 54enne, Digirolamo Gaetano 32enne e Nanushi Musa 34enne colpiti dalla misura del divieto di dimora nel comune santermano, gran parte dei quali gravati da precedenti specifici.      

L’operazione odierna sancisce un duro colpo a referenti locali che, da tempo e con disinvoltura, avevano creato una piazza di spaccio, così fiorente da attirare non solo i consumatori locali, ma anche quelli dei comuni contermini consapevoli della facilità di approvvigionamento di ogni tipo di sostanza illecita.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s