Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

fal  fal

manufatto abusivoLa realizzazione, già avviata e non ancora completata, di un manufatto edilizio ad uso residenziale è stata scoperta in località “Tarola” in agro di Cassano delle Murge dai carabinieri della Stazione Parco di Altamura nell’ambito diun’attività di indagine a tutela dei territori del Parco Nazionale dell’Alta Murgia.

All’arrivo dei militari le betoniere erano ancora all’opera intente a colare il cemento sulla fondazione, realizzata adiacentemente ad un preesistente fabbricato tanto da poterne poi determinare una maggiore volumetria complessiva.

I successivi accertamenti hanno appurato che per i lavori in essere non risultavano essere stati rilasciati i prescritti titoli abilitativi in materia edilizia come pure quelli attinenti la vincolistica paesistico ambientale.

Infatti, l’area occupata dalle opere abusive, è risultata classificata non solo Parco Nazionale dell’Alta Murgia ma anche Zona di Protezione Speciale e a vincolo paesaggistico per le quali il proprietario non è stato in grado di fornire i relativi “nulla osta”.

Per questo un’area di quasi 100 mq ove insisteva il nuovo manufatto, è stata posta sotto sequestro preventivo mentre il proprietario nonché esecutore materiale dell’illecito, un 56 anni residente a Santeramo in Colle, è stato denunciato.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s