Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

fal  fal

Ci avevano spiegato che la Puglia era una Regione virtuosa, con numeri da capogiro in quanto a utilizzo delle risorse comunitarie. Pare non sia vero e che quanto sostenuto in coppia dal presidente Emiliano e dal ministro (5 Stelle) Lezzi poco più di un mese fa, fosse semplicemente una strombazzatura elettorale, in vista del prossimo 26 maggio.

Sabato scorso a Foggia il parlamentare europeo Raffaele Fitto li ha sbugiardati, citando le vere percentuali, spiegando peraltro che non si tratta di conti “suoi” ma dei dati ufficiali del Mef, il Ministero dell’Economia e Finanza.

Ebbene: di 7,1 miliardi di risorse (Fesr+ FSE), la Puglia ne ha impegnati 2,5 ma ne ha utilizzati solo 1,3. In pratica un vero e proprio fallimento, oltre ad una incredibile incapacità di spendere risorse certe e disponibili.

Ci chiediamo, ma che cosa è più importante per i nostri politici: migliorare la situazione della Puglia e dei suoi cittadini, oppure basta loro solo creare (falso) consenso? Temiamo che la risposta sia purtroppo la seconda…

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s