Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

fal  fal

Comitato Prefettura BatEffettuare una puntuale ricognizione di tutti gli immobili in stato di abbandono presenti nel territorio provinciale che possono costituire un pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica ed al contempo individuare tutte le misure necessarie per prevenire l’occupazione arbitraria degli stessi.

Se ne è discusso ieri mattina, presso la sede del Palazzo del Governo di Barletta, in occasione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal Prefetto di Barletta Andria Trani, Emilio Dario Sensi, alla presenza dei vertici provinciali delle Forze di Polizia ed allargato, per l’occasione, ai rappresentanti della Regione Puglia, dell’Arca Puglia Centrale, dei Sindaci dei Comuni della provincia e della Magistratura.

Nelle ultime settimane la Prefettura ha infatti effettuato, con il supporto delle Amministrazioni comunali del territorio, una verifica di tutte le situazioni di abbandono degli immobili, le cui condizioni possano agevolarne l’impossessamento o un utilizzo illecito da parte di estranei, nell’ambito del più ampio percorso di lotta al fenomeno dell’occupazione arbitraria degli immobili già intrapreso nei mesi scorsi dal Ministero dell’Interno.

I risultati di tale lavoro sono stati portati quest’oggi all’attenzione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, per valutare eventuali situazioni più critiche e da affrontare con priorità, d’intesa con le Forze di Polizia, le Amministrazioni comunali e con il coinvolgimento delle Polizie locali.

In un’ottica di maggior responsabilizzazione dei privati sul tema della prevenzione dell’occupazione degli immobili, la Prefettura ha inoltre fornito indicazioni ai Comuni affinché prescrivano ai proprietari degli immobili in stato di abbandono di assumere ogni iniziativa finalizzata alla messa in sicurezza degli stessi, anche attraverso l’installazione di sistemi di difesa passiva o qualsiasi altro mezzo idoneo a scongiurarne l’occupazione.

Inoltre, nell’ottica della massima valorizzazione della sinergia istituzionale tra tutti i soggetti coinvolti (Prefettura, autorità giudiziaria, forze dell’ordine, amministrazioni comunali ed Arca) è stata evidenziata la particolare utilità di procedere non solo ad un preventivo censimento degli occupanti, ma anche ad una condivisione delle banche dati, in particolare tra enti locali ed Arca Puglia, al fine di individuare con la massima celerità le iniziative necessarie per impedire l’occupazione arbitraria degli immobili di volta in volta disponibili.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s