Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

falfal

Sala operatoria cani e DecaroUn sopralluogo al canile sanitario comunale, in via Milella, nella zona industriale, dove è in corso l’allestimento di una sala operatoria è stato effettuato questa mattina a Bari dal sindaco Antonio Decaro, accompagnato dal consigliere delegato alla tutela degli animali Livio Sisto.

Le nuove attrezzature sono state acquistate grazie alla donazione di Adriana Possenti, socia della Lav e rientrano nella collaborazione tra la sede provinciale dell’associazione, il Comune di Bari, la ASL Bari, l’associazione “Nati per amarti onlus” e l’Area Adozioni LAV, finalizzata a valorizzare il ruolo del canile quale luogo di transito dove gli animali siano ospitati lo stretto necessario a consentirgli di recuperare uno stato psico-fisico ottimale, in attesa dell’adozione o del rilascio sul territorio su cauzione.

La sala operatoria consentirà di effettuare le visite mediche e gli interventi di sterilizzazione direttamente in canile, sia da parte di veterinari ASL sia da parte di professionisti di fiducia dell’associazione, evitando che gli animali siano trasportati altrove causandogli ulteriore stress e ottimizzando i tempi. LAV ha anche finanziato l’acquisto di cucce destinate alla struttura comunale, la realizzazione di aree di sgambamento e di due nuovi box dedicati ai cani mordaci, mettendo inoltre a disposizione un educatore cinofilo per la gestione delle alterazioni comportamentali degli animali. Tutto è teso a favorire il benessere dei cani durante la loro permanenza nel canile.

“Grazie al contributo della Lav - ha dichiarato Antonio Decaro - abbiamo ottenuto in comodato d’uso, per il canile sanitario, delle attrezzature per allestire una piccola sala operatoria che consentirà di procedere in loco alle sterilizzazioni dei cani, senza sottoporli allo stress del trasporto da un luogo all’altro, e ad altri piccoli interventi. Si tratta di un passaggio importante per garantire il benessere psico-fisico degli animali nel periodo di permanenza nel canile, in attesa dell’adozione. Si tratta di un progetto fortemente voluto dall’amministrazione comunale, anche perché tutti gli interventi effettuati permetteranno di agevolare le attività di assistenza veterinaria, censimento e controllo delle nascite della popolazione canina e felina presente sul territorio comunale. Il prossimo passo, insieme alle associazioni che gestiscono la struttura, sarà quello di sensibilizzare i cittadini ad adottare uno degli animali ospitati. Ovviamente ci auguriamo che restino qui il minor tempo possibile e possano trovare al più presto famiglie pronte ad accoglierle in casa. Vogliamo invitare quanta più gente possibile a venire in questo posto, per rendersi conto di quanti cani aspettino solo di essere adottati e, per farlo, stiamo organizzando degli appuntamenti mensili aperti a tutti in cui le famiglie potranno conoscere i nostri amici a quattro zampe. L’adozione non rende felice solo il cane ma soprattutto chi sceglie di prendersene cura”.

“Questo progetto è emblematico dell’approccio progettuale posto in essere dalla LAV per la risoluzione delle criticità sul territorio - ha affermato Federica Faiella responsabile area adozioni LAV - e di un metodo di lavoro che prevede la collaborazione sinergica tra le istituzioni, le associazioni e tutte le parti deputate alla cura e all’accudimento dei cani e dei gatti randagi. L’allestimento della sala operatoria ci permetterà di organizzare delle sedute di sterilizzazione per i cani e i gatti del territorio con i veterinari ASL o veterinari di fiducia LAV, come prevede il contratto di comodato d’uso; oltre ad essere incrementata l’attività di monitoraggio e controllo del territorio, realizzata grazie alla stretta collaborazione tra i medici veterinari ASL, gli attivisti della sede LAV Bari e dell’associazione Nati per amarti Onlus”.

Nella sala operatoria del canile sanitario saranno organizzate delle giornate riservate alla sterilizzazione anche per i cani e i gatti del territorio, con il coinvolgimento di medici veterinari della Asl e di privati, e l’associazione sta valutando l’opportunità di organizzare anche un presidio di primo soccorso.

L’intervento complessivo è realizzato dalla LAV nell’ambito del progetto “Il benessere psicofisico dei cani ospitati in canile e in attesa di adozione, il controllo delle nascite dei cani e dei gatti randagi - interventi di miglioria nel canile sanitario di Bari”, che rientra nella campagna adozioni “Questa è una vecchia amicizia” portata avanti con i sindacati dei pensionati CGIL, CISL, UIL. Integrati nel progetto anche degli incontri formativi destinati ai volontari e a favore dei proprietari di cani perché possano essere aiutati nella risoluzione di problematiche/disagi manifestati dal cane accolto in famiglia.

Per ricevere informazioni sulle adozioni, contattare il numero 389 0238584. 

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s