Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

falfal

Giancaspro CosmoCome da copione. Le sconfitte di Cosmo Giancaspro continuano anche senza che sia ancora il presidente della squadra di calcio del Bari. Stavolta lo stop arriva dal Tar, che ha rigettato il ricorso presentato agli inizi di settembre con la richiesta di annullamento della procedura con cui il Comune aveva affidato il titolo sportivo alla Ssc Bari, la nuova società che fa capo ai De Laurentiis.

In sostanza Giancaspro chiedeva che lo stadio “San Nicola” fosse restituito al “suo” Bari, ovvero alla vecchia società. Invece, il tribunale amministrativo ha dichiarato inammissibile il ricorso per difetto di legittimazione e di interesse.

Il provvedimento (sentenza firmata dal presidente della prima sezione Angelo Scafuri) giudica corretta la procedura seguita dal Comune di Baria sia per quanto riguarda l’affidamento del titolo sia per l’affidamento temporaneo dello stadio.

Cosmo Giancaspro, che è ai domiciliari dal 26 settembre scorso perché accusato del crac da 10 milioni di euro della Finpower, aveva anche cercato di iscrivere alla serie D la sua società, la FC Bari, indicando Terlizzi quale sede delle gare interne da disputare.

Insomma, nessun dubbio sul fatto che la nuova squadra di calcio del capoluogo sia, e resta, la Ssc Bari di Luigi De Laurentiis.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s