Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

falfal

polizia 113 3Pregiudicato 25enne arrestato dalla polizia di stato a Bitonto. Deve rispondere di rapina ed estorsione ad una sala slot. L’uomo, il 18 luglio scorso, sarebbe stato coinvolto in una rapina; dopo essersi introdotto nel locale commerciale, avrebbe chiuso la porta d’accesso intimando al gestore di consegnargli l’incasso, infilando la mano in un borsello al fine di simulare il possesso di un’arma.

Nonostante l’adesione del commerciante alle richieste del malfattore, questi lo avrebbe colpito ripetutamente, minacciandolo anche di morte, al fine di ottenere indicazioni in merito all’ubicazione della cassaforte.

Dopo aver danneggiato il sistema di videosorveglianza, nel vano tentativo di non lasciare traccia della rapina, si sarebbe dileguato con un bottino di oltre 3.600 euro.

L’attività d’indagine condotta dai poliziotti del locale Commissariato ha consentito di ricostruire la dinamica degli eventi, raccogliendo elementi probatori a carico dell’arrestato, grazie anche alla visione delle immagini di ulteriori sistemi di videosorveglianza presenti in zona.

Dalla ricostruzione eseguita dagli agenti è altresì emerso che l’uomo, all’incirca due settimane prima della rapina, avrebbe tentato di estorcere dei soldi ai danni della medesima attività; a fronte dell’uso di alcune macchinette da gioco e di notevoli perdite di denaro, avrebbe chiesto ai gestori di consegnargli la somma di 900 euro, minacciando che, qualora la sua richiesta non fosse stata esaudita, avrebbe rapinato la sala slot.

L’uomo è stato arrestato in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Bari, su richiesta della locale Procura della Repubblica.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s