Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

FAL TOMMYTEDONE 990x160 05 2018

Stazione internoBari ospita la terza tappa meridionale di un road show promosso da Trenitalia nelle principali piazze italiane, per far conoscere a cittadini e pendolari i nuovi convogli della sua flotta regionale, destinati a rivoluzionare positivamente l’esperienza di viaggio dei clienti.

Nel Villaggio Trenitalia, il modello in dimensione reale (scala 1:1, lunghezza 16 metri) del nuovo treno è stato mostrato oggi alle istituzioni e alla stampa da Tiziano Onesti e Orazio Iacono, rispettivamente presidente e amministratore delegato di Trenitalia insieme a Michele Emiliano presidente Regione Puglia, Gianni Giannini assessore regionale ai Trasporti e Pierluigi Introna, vicesindaco di Bari.

“La Puglia è tra le Regioni italiane che ha dimostrato, nel corso degli anni, di credere molto nell’importanza della mobilità ferroviaria – ha affermato l’amministratore Delegato di Trenitalia Orazio Iacono – investendo adeguate risorse e programmando con attenzione l’offerta dei suoi servizi. Non è un caso che proprio oggi sottoscriviamo il nuovo Contratto di Servizio 2018-2032 che consente di pianificare importanti e lungimiranti investimenti, iniziando da 350 milioni di cui 288 per l’acquisto di 46 nuovi treni: 43 Pop e 3 Jazz. Questi investimenti – ha aggiunto Iacono – abbatteranno l’attuale età media dei treni in circolazione, che si attesta sui 29 anni, a 4 anni tra il 2022 e il 2023. Entro il 2024 la Puglia vedrà completamente rinnovata la flotta regionale Trenitalia, con quel che ne consegue in termini di qualità del viaggio. Perché questi treni imprimeranno un nuovo slancio al servizio ferroviario metropolitano e regionale, sulla cui migliore qualità abbiamo positivamente lavorato con la Regione Puglia in questi anni”.

Sono stati oltre 30mila i visitatori del Villaggio #lamusicastacambiando allestito da Trenitalia in piazza Libertà a Bari, saliti a bordo del modello per conoscere e valutare nel dettaglio le caratteristiche del nuovo Pop. Un treno progettato e costruito attorno alle esigenze di chi dovrà viaggiarci e lavorarci. Più comodo e flessibile negli allestimenti interni, adattabili alle diverse esigenze del territorio, più sicuro grazie a evoluti sistemi di videosorveglianza, più sostenibile e davvero green, nella riduzione dei consumi e nella quasi completa riciclabilità dei materiali usati e più accessibile anche alle persone a mobilità ridotta e con disabilità, con le quali, attraverso le associazioni che le rappresentano, Trenitalia mantiene un proficuo e continuo confronto. I nuovi Pop per i pendolari saranno consegnati alla Regione Puglia a partire dal 2021, i 3 Jazz già dal 2019.

L’arrivo dei Pop si inserisce in una strategia complessiva di rilancio del trasporto ferroviario regionale per sviluppare e sostenere un nuovo modo di muoversi che privilegi, rispetto all’auto privata, una mobilità collettiva, integrata e sostenibile.

Questa strategia muove da un convinto rilancio del trasporto ferroviario regionale che ha visto Trenitalia impegnata negli ultimi anni in una radicale rivisitazione di tutti i suoi processi industriali e in un esteso turn over del suo management.

Alcuni segnali positivi cominciano a palesarsi in tutt’Italia e anche in Puglia, dove Trenitalia sta lavorando affinché il salto di qualità sia ancora più deciso, potendo anche contare su convogli nuovi e più performanti. Di fatto, stando alle indagini condotte da società esterne, in quattro anni la percezione che i clienti hanno del servizio svolto da Trenitalia è migliorata, soprattutto su fronte della pulizia e della puntualità, con punte che sfiorano il + 15% di passeggeri soddisfatti. Un netto e oggettivo miglioramento si evidenzia soprattutto sull’affidabilità del servizio: le corse cancellate sono oggi meno di 6 su mille programmate, ossia il 68,6% in meno di 4 anni fa, e addirittura soltanto una su mille è imputabile direttamente a Trenitalia (-86,2% vs 2014)

Sul fronte del rinnovo della flotta, l’accordo quadro, siglato con le aziende vincitrici della gara internazionale, consentirà a Trenitalia di acquistarenei prossimi anni 300 Rock da Hitachi Rail Italy e 150 Pop da Alstom Italia per un totale di 450 convogli e un investimento di oltre 4 miliardi di euro. La maxi commessa non ha precedenti in Italia per valore economico e numero di treni e consentirà a Trenitalia di poter contare sulla fornitura di oltre 13 treni al mese, da consegnare in coerenza con i Contratti di servizio sottoscritti con le Regioni.

Al centro del tour nelle piazze italiane c’è sempre anche la musica. Sul sito web dedicato lamusicastacambiando che ha già raggiunto oltre 492mila visualizzazioni è possibile registrarsi alle singole tappe per poter accedere al villaggio Rock e Pop e toccare con mano l’innovazione dei nuovi treni regionali. Il Villaggio Trenitalia #lamusicastacambiando ha ospitato nei cinque giorni di apertura (8-12 giugno) l’animazione musicale dei deejay di RTL 102.5.

In distribuzione gratuita, inoltre, come per ogni tappa, il settimanale Note che Trenitalia dedica ai clienti del trasporto regionale, fruibile anche sul web su issuu.com/edizionilafreccia e su fsitaliane.it nella sezione Media_Edizioni_La Freccia_e_in_Regione

Ma la musica è anche online: su Spotify, si può seguire l’account #lamusicastacambiando, ascoltare e condividere le playlist dedicate all’iniziativa o cimentarsi nel crearne una nuova legata alla propria esperienza di viaggio.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s