Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

falfal

gazzella tre quartiUn imprenditore del settore turistico, già noto alle Forze dell’Ordine è stato arrestato dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Monopoli, nel corso di uno specifico servizio antidroga. Il 46enne dovrà rispondere dell’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Era da tempo che i militari erano sulle tracce dell’uomo, ovvero da quando fra i giovani del luogo si era diffusa la notizia che nel centro storico, fra i vicoli turistici ed i vari centri di aggregazione, fosse stata installata una nuova base dello spaccio, pronta a rifornire la cosiddetta “movida”.

Ieri mattina, quindi, la Compagnia Carabinieri di Monopoli ha predisposto un servizio antidroga specifico finalizzato a contrastare il fenomeno, pertanto, con il supporto di una unità cinofila antidroga del Nucleo CC. di Modugno, è stato così localizzato un appartamento da dove, già nei giorni scorsi era stato notato il classico via vai di persone.

Tuttavia l’accesso all’appartamento non è stato per nulla facile, in quanto l’uomo che lo occupava, benché circondato, ha opposto una tenace resistenza, barricandosi in casa e rifiutandosi di aprire la porta ai militari. Una volta guadagnato l’ingresso, gli operanti si sono trovati di fronte ad un vero e proprio “laboratorio” della droga, rinvenendo 85 grammi di hashish, 35 grammi di cristalli di mdma, meglio conosciuta come ecstasy, alcune dosi di cocaina pronte per essere spacciate, un bilancino elettronico, circa 750 euro in contanti, materiale per il confezionamento ed un quaderno, sul quale erano stati diligentemente annotati i nomi degli acquirenti e le somme di denaro ricevute. Il tutto sottoposto a sequestro.

L’uomo è finito agli arresti domiciliari con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e nei prossimi giorni sarà processato per direttissima, mentre lo stupefacente verrà inviato presso il laboratorio analisi della Sezione Investigazioni Scientifiche del Comando Provinciale di Bari.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s