Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

falfal

stetoscopio“I medici di Medicina Generale della ASL Bari sono pronti a collaborare per attenuare i disagi ai cittadini conseguenti alla revoca delle esenzioni per ipertensione disposto dalla Regione in attuazione dei nuovi LEA (Livelli Essenziali di Assistenza)”: è quanto ha dichiarato il dott. Nicola Calabrese, segretario provinciale FIMMG Bari, a seguito della circolare della Regione Puglia che blocca le esenzioni per ipertensione arteriosa. Solo il 28 marzo cosro la Regione con una circolare ha avviato le attività informative verso le Asl e i Distretti Socio Sanitari che a loro volta l’hanno girata ai medici di medicina generale.

“Ma è chiaro – ha spiegato Calabrese- che i medici di famiglia non sono in grado di apportare alcuna modifica alle esenzioni attribuite ai cittadini”.

I medici traggono le informazioni dai servizi informativi regionali e non possono in alcun modo agire sulle stesse. L’ultimo allineamento delle esenzioni che tutti i medici hanno effettuato il 1 aprile u.s., in concomitanza con la scadenza delle esenzioni per reddito, non ha riportato il blocco delle esenzioni per ipertensione, blocco effettuato solo all’inizio di questa settimana.

“Solo nella giornata di mercoledì 11 aprile dalla ASL Bari hanno comunicato ai medici di informare i cittadini del blocco e di indirizzarli presso le sedi distrettuali con la documentazione specialistica recente per l’attribuzione di un nuovo codice di esenzione valido, se ve ne sono le condizioni”, ha aggiunto il dott. Calabrese.

“Abbiamo scritto alla Direzione Generale segnalando anche il disagio dei cittadini che hanno prenotato le prestazioni diagnostiche da giorni e che vengono rimandati indietro in quanto di fatto non più esenti. Sarebbe opportuno che la Regione individui le modalità per erogare comunque le prestazioni già prenotate dai cittadini e trovi le soluzioni per evitare il pagamento dei ticket sui farmaci, al fine di garantire la continuità dell’assistenza limitando il disagio. Da sempre i nostri assistiti si rivolgono a noi per le informazioni utili a documentare ed acquisire le esenzioni per le patologie croniche che vengono però rilasciate esclusivamente dalle strutture ospedaliere o ambulatoriali pubbliche. In questo momento è vitale assicurare la continuità dell’assistenza e i MMG, ben conoscendo i disagi cui vanno incontro i cittadini nel periodo del rinnovo delle esenzioni ticket sono a disposizione della Regione per concordare ogni iniziativa”, conclude il dott. Calabrese.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s