Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

FAL TOMMYTEDONE 990x160 05 2018

forestali acque reflueIl taglio di una porzione di bosco ceduo sito alla località “Masseria Posticchio” nei pressi di Castel del Monte è stato scoperto dai militari della Stazione Parco di Andria dei carabinieri forestali.

Le indagini hanno permesso di verificare che il taglio delle piante, circa 150 di essenza quercina, e la successiva estirpazione delle ceppaie, ha interessato una superficie di circa 1000 mq posta ai margini di un’aviosuperficie privata. Il tutto finalizzato all’allargamento della pista la cui larghezza, a seguito dei tagli, è risultata ampliata di circa 10 metri.

Gli interventi di taglio sono avvenuti in un’area ad elevato vincolo ambientale, qualificandosi non solo “Zona B” del Parco Nazionale ma anche, secondo Direttive Europee, quale Zona di Protezione Speciale e Sito di Importanza Comunitaria nonché area vincolata dal PPTR Piano paesaggistico della Regione Puglia.

Nessuno degli interventi eseguito è risultato essere stato autorizzato dall’Ente Parco o assoggettato alla procedura di valutazione di incidenza ambientale come pure privo dell’autorizzazione regionale al taglio delle essenze.

Per questo, l’intero bosco di 25 ettari è stato posto sotto sequestro preventivo essendo stata violata la normativa a tutela delle aree protette, con distruzione e danneggiamento di parte di un bene (bosco) tutelato da specifica normativa.

Un soggetto residente a Andria è stato denunciato in qualità di conduttore delle aree, nonché committente ed esecutore delle opere illecite.  

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s